mercoledì 10 agosto 2016

SCUOLA. Trasferimenti da rifare, il Governo nega l’evidenza: Anief dopo la mancata conciliazione ricorre al GdL



nlogoanief


Ancora oggi, il Partito Democratico continua a parlare di "eventuali errori nel calcolo dei punteggi e delle assegnazioni di ambiti". Nessun cenno viene fatto nei confronti di un algoritmo ministeriale male impostato e gestito ancora peggio, che ha dirottato migliaia di docenti di mezza età e oltre a mille chilometri da casa senza alcun tipo di indicazione sul come e perché si è arrivati a questo. Tutti i docenti che intendono far valere i propri diritti sul trasferimento imposto dal Miur senza le dovute informazioni ed il rispetto della normativa vigente sulla mobilità, possono scrivere a trasferimenti@anief.net

 

Il presidente nazionale Marcello Pacifico: l'obiettivo dell'iniziativa è quello di ottenere il rispetto di quanto previsto dal contratto, dalla contrattazione e dalla‬ ‪legge in materia di trasferimenti nella scuola e nel pubblico impiego. ‪Sono troppe le denunce che continuiamo a ricevere ogni giorno. C'è qualcosa che non quadra. Perché, lo ricordiamo, chi subisce questa nuova migrazione, rischia fortemente di essere allontanato da affetti e radici per tre anni: occorre essere certi che si tratti di uno spostamento necessario.

 

Il Governo continua a negare la mole infinita di trasferimenti errati dei docenti di ruolo: ancora oggi, sul sito internet del Partito Democratico si continua a parlare di "eventuali errori nel calcolo dei punteggi e delle assegnazioni di ambiti" e "di opportunità di lavoro da cogliere o meno". Nessun cenno viene fatto nei confronti di un algoritmo ministeriale male impostato e gestito ancora peggio, che ha dirottato migliaia di docenti di mezza età e oltre a mille chilometri da casa senza alcun tipo di indicazione sul come e perché si è arrivati a questo.

 

L'associazione sindacale Anief, che per statuto tutela i diritti del personale scolastico e pubblico, si è da subito schierata accanto ai docenti oggetto del trasferimento secretato: dopo aver messo a disposizione il modello per chiedere la‬ correzione del‬ punteggio e della sede, organizzato e preparato le proprie strutture territoriali per assistere i docenti durante le‬ conciliazioni, ora il giovane sindacato decide di avviare le procedure per una tutela legale dei tanti docenti danneggiati, ricorrendo al Giudice del lavoro laddove ve ne siano i presupposti.

 

"L'obiettivo dell'iniziativa – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è quello di ottenere il rispetto di quanto previsto dal contratto sulla mobilità, dalla contrattazione e dalla‬ ‪legge in materia di trasferimenti nella scuola e nel pubblico impiego, fermo‬ restando l'invio della richiesta di accesso agli atti per delucidazioni sui criteri utilizzati dal Miur per la definizione dell'algoritmo".‬ 

 

"‪Sono troppe le denunce che continuiamo a ricevere ogni ogni giorno da parte di chi lamenta di essere stato spedito in ambiti regionali lontanissimi, quasi sempre al centro-nord, mentre dei colleghi con meno punti avrebberoottenuto sedi più vicine. C'è qualcosa che non quadra. Perché, lo ricordiamo, chi subisce questa nuova migrazione, rischia fortemente di essere allontanato da affetti e radici per tre anni almeno. Occorre essere certi che si tratti di uno spostamento necessario, non frutto di superficialità o errori del Miur. Ecco, perché dopo la mancata conciliazione – conclude Pacifico - abbiamo predisposto tutto per vederci chiaro, sino ad arrivare al Giudice del lavoro".‬

 

‪Tutti i docenti che intendono far valere i propri diritti sul trasferimento imposto dal Ministero dell'Istruzione senza le dovute informazioni ed il rispetto della normativa vigente sulla mobilità, possono scrivere a trasferimenti@anief.net. Rimane propedeutico, in ogni caso, fare domanda di accesso agli atti e proporre all'amministrazione di competenza il tentativo di conciliazione (da attuare presso l'ambito territoriale a cui si è presentata  la domanda di trasferimento): scarica qui il il modello per contestare gli esiti dei trasferimenti.

ed by Joobi



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI