domenica 2 ottobre 2016

Recuperare il valore del lavoro, esperti a confronto: "Riscoprire il bello del lavoro"

Convegno INAZ con Linda Gilli, Marco Vitale, Vittorio Coda, Giacomo Gatti, Alberto Quadrio Curzio, Saverio Gaboardi e Michela Spera. 

Esperienze diverse per ragionare su un tema finalmente al centro del dibattito pubblico, in una prospettiva cara al Cardinal Martini: quella della fiducia e della speranza. 


C'è il problema del lavoro al centro della crisi economica che perdura da anni.
Un tema che è sempre stato centrale nell'attività di convegni e divulgazione portata avanti da Inaz e che ora, finalmente, torna a occupare un ruolo di primo piano nel dibattito pubblico.
«Perché oggi lo scontro è tra i fautori del capitalismo finanziario dominante, che non crea sviluppo ma solo un'élite ristretta e ricca come mai nella storia, e chi vuole invece rimettere al centro la crescita e il lavoro, con la sua dignità».
Sono le parole che l'economista Marco Vitale ha pronunciato al convegno "Recuperare il valore del lavoro" organizzato da Inaz, azienda italiana di software e servizi per la gestione delle risorse umane che proprio quest'anno festeggia il decimo anniversario dei suoi incontri dedicati alla cultura d'impresa.

Da questi convegni è nata la collana editoriale "Piccola Biblioteca d'Impresa" che ha raccolto, in 14 volumi, riflessioni e testimonianze di una quarantina fra economisti, imprenditori, intellettuali di diversa provenienza e formazione.

E particolarmente ricco ed eterogeneo è stato il panel di testimoni per il convegno 2016, nel quale il tema del lavoro è stato affrontato, oltre che da economisti e sindacalisti, anche da prospettive insolite: il regista Giacomo Gatti ha preparato un excursus sulla rappresentazione del lavoro nel cinema, che di questo tema di è occupato fin dal primissimo film dei Fratelli Lumière - La sortie d'usine (L'uscita dalla fabbrica) del 1895 - con un impegno che continua fino a oggi.

L'obiettivo dell'incontro è stato sintetizzato da Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz: «La concezione del lavoro in Italia è stata ed è, spesso, limitativa, perché il lavoro viene visto come mero strumento di produttività immediata. Però il lavoro occupa un terzo delle nostre vite ed è necessario che aziende e lavoratori ne mettano al centro il bello, la componente che fa sentire le persone realizzate e valorizzate, in un'ottica di costruzione del bene comune».

Proprio la componente umana è sempre stata al centro della riflessione del Cardinal Martini su lavoro e sviluppo, ha spiegato Alberto Quadrio Curzio: «Martini rifletteva sui temi economico-sociali rivolgendosi a credenti e non credenti, rifacendosi e andando oltre la Dottrina sociale della Chiesa. Un elemento originale nell'elaborazione del Cardinale è il concetto di solitudine della persona nell'impresa, che va superata con l'umanizzazione, l'attenzione, l'introduzione nell'azienda di spazi, anche minimi, di gratuità, e il concetto di laboriosità che non si identifica con quello di lavoro. Il tutto –ha puntualizzato Quadrio Curzio– affrontato in una prospettiva di fiducia e di speranza, che è stata sempre propria di Martini, anche di fronte alle sfide poste dalla tecnologia e dalla flessibilità».

A Saverio Gaboardi, presidente del Cluster Lombardo per la Mobilità, e alla sindacalista Fiom CGIL Michela Spera il compito di indicare nella pratica in quale direzione devono andare imprese e sindacato se vogliono contribuire a ricuperare il valore del lavoro.
Gaboardi ha parlato dei risultati positivi del CLM in termini di lavoro e sviluppo: «Abbiamo un comparto che è in ripresa, l'Italia è tornata a essere produttore di veicoli, e la Lombardia va particolarmente bene perché ha lavorato sul concetto di cluster, che supera i distretti per guardare a tutto il mondo unendo imprese, università e associazioni, e le sostiene per dare loro competitività. Il comparto ha raccolto la sfida competitiva facendo un lavoro orizzontale, sulla filiera, con una mentalità orientata al cliente e generando uno scambio azienda/lavoratori basato sulla condivisione di idee».

Michela Spera ha ricordato che «Il sindacato è speculare alla realtà che si trova di fronte, e se si trova di fronte un'azienda che innova e ha ben chiaro che è il lavoro che crea valore, allora si instaura una collaborazione».

Un nodo critico è che sono le politiche del lavoro a mancare: «Le fabbriche non chiudono perché i lavoratori hanno troppi diritti, chiudono per mancanza di competitività. E per recuperare competitività e lavoro servono investimenti, risorse e soluzioni governate» ha concluso Spera.
L'economista Vittorio Coda ha chiuso il convegno tornando sul concetto del "bello del lavoro": «Recuperare il valore del lavoro è un'operazione che dipende da una prospettiva individuale, organizzativa e di sistema economico-sociale. Vorrei porre l'accento sul primo punto, nella convinzione che l'incontro di oggi possa essere il punto di partenza per una trasformazione interiore. Sempre tenendo a mente il senso di fiducia ispirato dalle parole del Cardinale Martini: è possibile affrontare il cambiamento andando nella direzione del bello».


Inaz Srl è una delle più importanti realtà italiane nella produzione software ed erogazione servizi per l'amministrazione e la gestione delle risorse umane.
Con una rete di agenzie e punti assistenza in tutta Italia, Inaz offre le sue soluzioni a più di 10mila clienti fra aziende, pubblica amministrazione, studi professionali, consulenti del lavoro e associazioni di categoria.

Inaz, con il suo Centro Studi, è anche punto di riferimento per imprese e professionisti in tema di aggiornamento, consulenza e formazione.
La sede centrale è in Viale Monza 268 a Milano.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI