martedì 3 gennaio 2017

Nel 2017 ogni momento è buono per imparare l'inglese: il tuo qual è?

La tecnologia mobile sta rivoluzionando le abitudini degli utenti anche nell'apprendimento delle lingue straniere

La metà degli italiani preferisce studiare alla fine della giornata: il 27% dopo il lavoro e il 22% prima di andare a letto

Il 30% approfitta delle pause durante il lavoro per esercitarsi


Milano, 3 gennaio 2017 – In metro, sul divano, in ufficio, in una sala d'attesa, al bar: grazie alle nuove tecnologie, oggi è possibile studiare le lingue straniere in qualsiasi momento e luogo. 

È cambiato il concetto di lezione tradizionale sui banchi di scuola: ora basta trovare un momento qualsiasi durante la giornata per imparare l'inglese senza dover raggiungere un luogo o rispettare un orario specifico.

Le occasioni possono essere le più disparate: qual è il momento preferito dagli italiani per imparare l'inglese? 

Secondo lo studio realizzato dall'accademia online ABA English in cinque paesi tra oltre 5.000 dei suoi allievi, la metà degli italiani sceglie di studiare le lingue straniere alla fine della giornata. 

Di questi, il 27% si dedica allo studio al ritorno dal lavoro mentre il 22% aspetta il momento prima di andare a letto

Il nuovo modello di apprendimento online, potenziato ora con il cosiddetto m-learning (apprendimento su dispositivo mobile), permette agli italiani di trovare un momento per lo studio della lingua anche nelle pause dal lavoro (22%), la mattina prima di uscire di casa (14%) e durante il tragitto verso l'ufficio (7%).

L'uso di dispositivi mobili come smartphone e tablet ha aperto la strada a nuove possibilità di apprendimento. 

La comodità di avere un telefono a portata di mano in qualsiasi occasione o di potersi riposare sul divano con un tablet sta cambiando le abitudini degli utenti in tutto il mondo. In questi casi, si fanno più attività ma in "pillole", piccole sessioni in cui si approfitta di qualsiasi momento disponibile, per quanto breve, anche per imparare una lingua straniera. 

Il 70% degli italiani ritiene che il metodo più efficace per imparare una lingua sia combinare computer e smartphone, mentre solo una minoranza preferisce studiare esclusivamente attraverso computer (18%) o mobile (13%).  

Un valore aggiunto che offrono alcune app è la versione offline: per esempio, ABA English permette agli utenti di esercitarsi anche senza una connessione internet. 
In questo modo, si moltiplicano ancora di più i momenti della giornata da poter dedicare allo studio dell'inglese.

"L'apprendimento online offre molti vantaggi, ma il più importante è senza dubbio la possibilità per qualsiasi studente di adattare lo studio ai suoi ritmi quotidiani. Questo facilita lo sviluppo e l'adozione da parte degli studenti di abitudini di studio diverse, che noi chiamiamo #ABAMoment, momenti di varia durata che si dedicano all'apprendimento dell'inglese", spiega Maria Perillo, Chief Learning Officer di ABA English. "È dimostrato che è più facile assimilare una lingua in dosi piccole e costanti, piuttosto che dedicare molte ore al giorno allo studio ma solo sporadicamente".

L'#ABAMoment può durare tanto o poco a seconda dello studente e del tempo che si possa o voglia dedicare allo studio. 

La successione costante di diversi periodi di tempo o momenti di apprendimento è una soluzione flessibile ed efficace per imparare l'inglese. 

Trovare un #ABAMoment aiuterà a superare l'ostacolo dell'inglese una volta per tutte. Se realmente lo si desidera, la mancanza di tempo non è un problema.

Questo è il concept della nuova campagna di comunicazione ABA English, che con l'hashtag #ABAmoment cerca di ispirare e motivare tutti coloro che desiderano imparare una lingua ma temono di non avere abbastanza tempo a disposizione: qualsiasi momento può essere quello giusto per imparare l'inglese.

ABA English
Oltre 13 milioni di allievi ABA English imparano l'inglese attraverso una metodologia unica basata sull'apprendimento contestuale, che trasporta all'ambiente digitale i principi dell'apprendimento naturale e intuitivo della lingua madre e si serve di cortometraggi sviluppati appositamente per l'insegnamento dell'inglese che migliorano l'esperienza dell'utente da qualsiasi piattaforma. 

Dal suo lancio nel 2013, ABA English si è distinta come una startup atipica e il suo metodo di apprendimento è stato riconosciuto a livello internazionale. Ha ricevuto il premio come "Miglior App Educativa del 2015" ai Reimagine Education (premi conosciuti come gli 'Oscar dell'insegnamento"), è stata scelta da Apple tra le app consigliate e recentemente inclusa da Google tra le "Best of 2016", le migliori app dell'anno.

Tra i vari accordi con istituzioni accademiche di primaria importanza, ABA English ha recentemente stretto un accordo con Cambridge English Language Assessment ed è diventata la prima accademia completamente digitale autorizzata a rilasciare i certificati ufficiali di Cambridge English. 

L'accademia, con sede a Barcellona, vanta studenti da tutto il mondo e si contraddistingue per il suo carattere multinazionale e multidisciplinare. Quasi il 90% degli studenti risiede fuori dal territorio spagnolo. ABA English è composta da un team di oltre 70 professionisti di 20 diverse nazionalità con esperienza in varie aree. 

Per maggiori informazioni visita il sito internet www.abaenglish.com o su mobile: AppStore o GooglePlay.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI