venerdì 28 aprile 2017

IL 40% DEGLI ITALIANI HA PERSO OPPORTUNITÀ LAVORATIVE A CAUSA DEL PROPRIO LIVELLO D’INGLESE

1 maggio – Festa del lavoro
I giovani, i più danneggiati dai requisiti linguistici sul lavoro

Un recente studio realizzato da ABA English tra oltre 5.700 persone di diversi paesi, tra cui 1.900 italiani, rivela che: 
  • Il 40% degli italiani dichiara di avere perso almeno un'occasione lavorativa a causa del proprio livello d'inglese; il problema è più marcato tra i giovani, dove il tasso raggiunge il 54%
  • L'inglese è la lingua più richiesta sul posto di lavoro per il 76% degli italiani
  • Le persone più giovani studiano l'inglese per lavoro mentre le persone over45 per ragioni personali

Milano, 28 aprile 2017 Raggiungere un elevato livello di inglese è una caratteristica sempre più richiesta dalle imprese di tutto il mondo. 

Un'ottima conoscenza della lingua è fondamentale per farsi spazio in un mercato del lavoro sempre più competitivo. 

Questo è quanto riflette il sondaggio condotto da ABA English, scuola di inglese online, con oltre 15 milioni di studenti in tutto il mondo.

Secondo il sondaggio, il 40% degli italiani dichiara di aver perso un'opportunità di lavoro (nuovo o promozione) a causa di una scarsa conoscenza della lingua inglese. 

I Millennial e la Generazione X, ovvero le fasce d'età tra i 20 e i 45 anni sono i più colpiti professionalmente per la scarsa conoscenza dell'inglese, visto che ben il 54% di loro dichiara di aver sofferto a livello lavorativo per la mancata padronanza della lingua. 

Diversa la situazione tra i Baby Boomer, ovvero gli over 45, tra cui la percentuale di persone colpite a livello lavorativo per la conoscenza della lingua scende al 34%.
Credi di aver perso opportunità professionali a causa del tuo livello d'inglese? NO SI
Dai 20 ai 45 anni 46% 54%
Oltre i 45 anni 66% 34%
Questa differenza generazionale potrebbe essere spiegata con la crescente importanza della lingua inglese in tutti i settori, tra cui quello professionale, dove l'internazionalizzazione delle aziende gioca un ruolo fondamentale. 

Di fatto, il 77% degli intervistati ritiene che la conoscenza della lingua inglese sul posto di lavoro sia in constante aumento e sia superiore oggi che nei giorni pre-crisi economica.

Le ragioni per studiare l'inglese, variano in base all'età
Dal sondaggio emerge anche che i motivi per studiare l'inglese variano in base all'età. Così, per i Millennials e la Generazione X predominano le ragioni lavorative (54%), mentre le ragioni legate alla crescita personale sono scelte solo dal 24%. 

I risultati cambiano completamente se la domanda viene fatta ai Baby Boomer che scelgono la crescita personale nel 39% dei casi, seguita da ragioni di lavoro (28%) e di viaggio (26%)
Ragioni per imparare l'inglese Per lavoro Personali Per viaggiare Per comunicare con famiglia e amici Studio
(gruppi generazionali rilevanti)
Dai 20 ai 45 anni 54% 24% 16% 2% 4%
Oltre i 45 anni 28% 39% 26% 5% 2%

L'inglese, la lingua di lavoro per eccellenza
Oggigiorno l'inglese non solo è considerato la lingua franca per eccellenza, ma anche la più importante in ambito lavorativo. 

Di fatto, l'inglese è la lingua più richiesta nel proprio lavoro per ben il 76% degli italiani intervistati da ABA English.

Secondo lo studio, la domanda per l'inglese nel mondo del lavoro supera di molto quella per le altre lingue quali francese, tedesco o spagnolo che si ferma al 3% totale. 

Questo non accade solo in Italia, ma anche in Spagna e in Francia, dove l'inglese è la lingua più richiesta in ambito professionale rispettivamente per l'83% e il 61% degli intervistati.

Di fatto, la maggior parte degli italiani (74%) usa l'inglese nella propria attività professionale: il 48% sporadicamente, il 19% con frequenza e il 7% giornalmente.

Aumentano i colloqui in inglese
Secondo il recente sondaggio di ABA English, il 39% degli italiani riconosce che il proprio livello di inglese è stato valutato in sede di colloquio di lavoro, un tasso di quattordici punti superiore rispetto ai dati dello scorso anno (25%), un altro indicatore della crescita della domanda di questa lingua nel nostro paese. 

Una percentuale superiore tra i paesi presi in esame si riscontra solo in Messico, dove la vicinanza geografica fa sì che nel 54% dei casi gli intervistati abbiano dovuto sostenere un test di lingua durante un colloquio.
ABA English
Oltre 15 milioni di allievi ABA English imparano l'inglese attraverso una metodologia unica basata sull'apprendimento contestuale, che trasporta all'ambiente digitale web e mobile i principi dell'apprendimento naturale e intuitivo della lingua madre. 

Il corso di ABA English si serve di cortometraggi sviluppati appositamente per l'insegnamento dell'inglese che migliorano l'esperienza dell'utente da qualsiasi piattaforma. 

Dal suo lancio nel 2013, ABA English si è distinta come una startup atipica e il suo metodo di apprendimento è stato riconosciuto a livello internazionale. 

Ha ricevuto il premio come "Miglior App Educativa" ai Reimagine Education (premi conosciuti come gli 'Oscar dell'insegnamento"), è stata scelta da Apple tra le app consigliate e inclusa da Google tra le "Best of 2016".

Tra i vari accordi con istituzioni accademiche di primaria importanza, ABA English ha recentemente stretto un accordo con Cambridge English Language Assessment ed è diventata la prima accademia completamente digitale autorizzata a rilasciare i certificati ufficiali di Cambridge English. 

L'accademia, con sede a Barcellona, si contraddistingue per il suo carattere multinazionale e multidisciplinare. 
Quasi il 90% degli studenti risiede fuori dal territorio spagnolo. 

ABA English è composta da un team di oltre 70 professionisti di 20 diverse nazionalità con esperienza in varie aree. 

Per maggiori informazioni visita il sito internet www.abaenglish.com o su mobile: AppStore o GooglePlay.


Nessun commento:

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI