CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Lavoro e Formazione

Cerca nel blog

martedì 25 febbraio 2020

Le aziende ferme per il Coronavirus ripartono con lo smartworking. Ecco i consigli per chi affronta un periodo di lavoro a distanza

Le aziende ferme per il Coronavirus ripartono con lo smartworking

Ecco i consigli per chi affronta un periodo di lavoro a distanza

La società di consulenza Methodos, che aiuta le imprese a mettere a punto nuovi modelli organizzativi, ha stilato un vademecum per i capi e per i lavoratori che si trovano per la prima volta a sperimentare il lavoro agile. «Per le aziende e per i dipendenti sarà un cambiamento culturale»

 

 

È smartworking la parola d'ordine di queste ore per le imprese che rischiano di rimanere ferme a causa dell'emergenza sanitaria per il nuovo Coronavirus. Nelle regioni più colpite dal contagio si cerca di limitare al massimo gli spostamenti e, mentre uno dei decreti attuativi del DL 23 febbraio 2020 n. 6 facilita l'adozione del telelavoro (come sperimentato su scala più piccola per il crollo del ponte Morandi), è già massiccio in moltissime aziende il ricorso al lavoro agile. «Questi giorni di blocco forzato potrebbero addirittura essere un acceleratore del cambiamento»: ne è convinto Alessio Vaccarezza, CEO di Methodos Italia, società di consulenza specializzata nell'accompagnare le imprese nei processi di change management assieme a Digital Attitude e Accompany, due startup focalizzate sulla digital transformation. «Da tempo è in atto una trasformazione culturale per quanto riguarda i modelli organizzativi sul lavoro e molte realtà, soprattutto le più grandi e internazionali, sono preparate ad affrontare la situazione che stiamo vivendo – prosegue Vaccarezza –. Chi è in ritardo nell'attuare piani strutturati di smartworking dovrà mettere in campo qualche sforzo in più, ma attrezzarsi in tempi brevi è possibile e, con alcuni accorgimenti, si può evitare di perdere produttività».

 

Per attuare forme di lavoro agile in modo efficace, prevedendo i possibili intoppi e preparando dipendenti e management a lavorare in modo nuovo, Methodos ha stilato una serie di consigli rivolti sia ai lavoratori, che magari si trovano a fare smartworking per la prima volta nella vita, sia ai capi, che devono sperimentare nuovi metodi per organizzare, dirigere e valutare i propri dipendenti.

«Delega e fiducia sono i concetti più importanti per chi ha un ruolo dirigenziale – spiega Giuseppe Geneletti, Head Smart Working di Methodos –.Chiarire gli obiettivi, valorizzare i risultati raggiunti e responsabilizzare sono le azioni chiave per impostare un progetto di smartworking vincente. Occorre poi fare degli sforzi in più sul fronte della pianificazione e schedulare specifici momenti di confronto con le persone del team: meglio in video che con una semplice telefonata».

Per i lavoratori, invece, la sfida è riprodurre a casa la forma mentis che si assume in ufficio. I consigli di Methodos sono cinque:

 

1)      Stabilire chiaramente gli orari. «È importante indicare i momenti di inizio e fine del lavoro – spiega Giuseppe Geneletti –. Dedicare delle ore specifiche al lavoro facilita non solo la concentrazione, ma anche l'allineamento con gli altri interlocutori, che sanno in quali momenti siamo disponibili e pronti a rispondere».

2)      Vestirsi come se si andasse in ufficio (o quasi). «Non è necessario essere iper-formali e in giacca e cravatta – commenta sempre Geneletti – ma passare dalla modalità "da casa" a quella "da lavoro" è molto importante per concentrarsi, e l'abbigliamento gioca la sua parte».

3)      Fare delle pause e spostarsi. Se è fondamentale, anche a casa, avere la sensazione di "iniziare" la propria giornata, allo stesso modo, quando si prende una pausa, bisogna davvero staccare. «Per questo il consiglio è di allontanarsi fisicamente dallo spazio di lavoro spiega l'esperto di Methodos –. Fare un passo lontano dalla scrivania può aiutare a liberare la mente e ad avere maggiore attenzione al ritorno».

4)      Organizzare gli spazi. Cioè avere una scrivania libera dal disordine, con file digitali e/o archivi cartacei facilmente individuabili e uno spazio adatto all'attività. «Sono elementi  importanti per aumentare la produttività e rimanere concentrati mentre si lavora ai vari progetti» sottolinea Geneletti.

5)      Staccare la spina dalla vita digitale. A casa, ancor più che in ufficio, le distrazioni di web e social sono in agguato. «Per sfruttare al meglio il tempo – spiega sempre Geneletti – è bene silenziare o bloccare alcune app, anche attraverso alcuni tool che ne limitano l'utilizzo».

 

Un approfondimento ad hoc lo meriterebbero i cosiddetti "meeting digitali", ovvero chiamate e videoconferenze, di cui nei prossimi giorni si farà grande uso. «Le tecnologie rendono le comunicazioni di una facilità impensabile rispetto a pochi anni fa, anche senza complicati apparati ma con gli strumenti che tutti hanno a casa – commenta Giuseppe Geneletti –. Non tutti però sono ancora abituati a rapportarsi in questo modo ed è necessario accogliere e coinvolgere nel modo giusto chi non usa quotidianamente questi strumenti». Ecco quindi alcuni consigli utili:

 

Prima dei meeting digitali

  • Assicurarsi che tutti i partecipanti davvero rilevanti per la riuscita del meeting siano collegati/collegabili, altrimenti programmarlo in un altro momento.
  • Condividere con anticipo un reminder dell'agenda, allegando obiettivi, temi e principali materiali che verranno discussi. «Ai partecipanti, parallelamente, si richiede di leggere e preparare i materiali» sottolinea Geneletti.
  • Chiedere a tutti i partecipanti di evitare le distrazioni (mail, sms, ecc.)
  • Non affrontare un numero eccessivo di argomenti

 

Durante chiamate e videoconferenze

  • Testare in anticipo il collegamento (il giorno prima se possibile con 1-2 partecipanti previsti).
  • Invitare tutti a fare un check di comunicazione se non si sono mai collegati da remoto per verificare la banda e la connettività.
  • Adattare il formato dei materiali (presentazione, video eventuali di supporto etc.) affinché siano compressi per ridurre la necessità di banda di trasmissione
  • Pianificare 10-15' di tempo di "accoglienza" prima dell'inizio ufficiale della riunione in cui verificare da parte di tutti la qualità del collegamento audio-video a due vie.
  • Ricordare a tutti all'inizio della riunione le regole di ingaggio e di etichetta: «Cioè parlare uno alla volta e a due terzi della velocità "normale" – puntualizza Geneletti –, dire sempre il proprio nome per assicurarsi che tutti sappiano chi sta parlando, scandire bene le parole formulando frasi più brevi e semplificate per ridurre la fatica da collegamento, e infine, quando si ha la necessità di scollegarsi, annunciarlo».
  • Avere a disposizione un tecnico IT se possibile per effettuare una pronta risoluzione dei problemi durante la fase di accoglienza.

 

 

Methodos Spa – Società di consulenza di direzione fondata nel 1979, e parte di Methodos Group SpA con sedi in Francia e Germania, è tra le più significative realtà internazionali nei processi di change management organizzativo e culturale a supporto delle trasformazioni (M&A; Digital Transformation, New Ways of Working, Integrated Thinking…), nei programmi di coinvolgimento e comunicazione con gli stakeholder, nello sviluppo di una leadership efficace.




--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 20 febbraio 2020

Roma, “ATENA STARTUP BATTLE”: la competizione tra le più innovative start up italiane fa tappa a Roma per presentarsi agli startupper romani


 "ATENA STARTUP BATTLE":

la competizione tra le più innovative start up italiane

 fa tappa a Roma per presentarsi agli startupper romani

 

In palio la prestazione di servizi per un valore di 50mila euro

 

Roma, febbraio 2020Arriva a Roma Atena Startup Battle, la competizione tra le più innovative startup italiane, ideata da TMP Group. Dopo la presentazione nazionale a Milano, la Battle farà tappa lunedì 24 febbraio negli spazi di Talent Garden Ostiense – il nuovo campus della piattaforma di networking e formazione nell'ambito dell'innovazione digitale. Qui le start up romane avranno la possibilità di presentarsi e di essere selezionate per la finale, il prossimo 11 giugno a Milano.

 

Atena Startup Battle, in partnership con tre importanti realtà del mondo FinTech e innovazione – lo Studio Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners, Two Hundred e Talent Garden – punta a far emergere le giovani startup del territorio per dar loro la possibilità di presentare e concretizzare progetti innovativi.

 

Roma è la prossima tappa di un roadshow di presentazione che precederà l'evento di giugno e che toccherà alcune tra le più importanti città italiane, dando a tutte le startup che interverranno l'opportunità di conoscere la battle, condividere la propria idea imprenditoriale e formarsi.

 

Durante la presentazione ogni startup avrà infatti la possibilità di presentarsi e partecipare panel e workshop di approfondimento e di formazione sull'ecosistema startup, di ricevere consigli e suggerimenti su come comunicare al meglio il proprio progetto imprenditoriale, di conoscere potenziali investitori e di come far colpo, durante la finale, su una giuria composta dalle più importanti realtà collegate al mondo Fintech.

 

L'evento finale, il prossimo 11 giugno al Talent Garden Calabiana di Milano, offrirà l'occasione a 20 startup selezionate l'occasione di sfidarsi a suon di "pitch" per presentare il proprio progetto e aggiudicarsi il premio finale del valore di 50mila euro in servizi di consulenza in ambito legale, di comunicazione, networking digitale, e di investimenti in equity crowdfunding.

 

Informazioni sull'evento di Roma:

Per partecipare è necessario iscriversi al sul sito eventbrite .it



Lunedì 24 febbraio 2020

h 18:00 – 20:00

Talent Garden Ostiense di Roma

 

Per partecipare alla Battle: sarà possibile candidare la propria Startup sul portale Atena Startup Battle www.atenastartupbattle.it entro il 10 aprile 2020. Sul sito sono disponibili il regolamento della competizione e il programma completo dell'evento.



 






--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 14 febbraio 2020

Al via la cattedra VETRYA in “Machine Learning and Artificial Intelligence” presso l’Università LUISS Guido Carli

Al via la cattedra Vetrya in "Machine Learning and Artificial Intelligence" presso l'Università LUISS Guido Carli

 

La presentazione ufficiale si è tenuta a Roma ed ha visto coinvolti i vertici dell'Ateneo

 

Il corso sarà all'interno della Laurea triennale in "Management & Computer Science", cui si aggiungerà un percorso Magistrale a partire dall'anno accademico 2020-2021.

 

Roma, 14 febbraio 2020 –  In un'aula gremtia di studenti, è stata presentata oggi all'Università Luiss Guido Carli la cattedra in "Machine Learning and Artificial Intelligence" promossa da Vetrya, gruppo italiano quotato in Borsa Italiana e leader riconosciuto nello sviluppo di servizi digital, applicazioni e soluzioni broadband.

Per l'occasione il Presidente e AD di Vetrya Luca Tomassini ha teniuto la prima lezione del corso dpo il saluto del Rettore della Luiss, Andrea Prencipe.

Presenti anche il Direttore del Dipartimento di Impresa e Management Alessandro Zattoni e eil  professore in Computer Science Giuseppe Italiano.

Molte le domande e le curiosità rivolte all'A.D di Vetrya da una giovani curiosi e attenti agli scenari del futuro.

"L'intelligenza artificiale è destinata a rivoluzionare la quasi totalità dei settori produttivi conosciuti dall'uomo. È una nuova importante sfida che determinerà l'economia di mercato dei prossimi anni. Un cambiamento epocale, non necessariamente legato alla tecnologia ma ad una nuova cultura. Una cultura che necessita di nuove competenze, fondamento necessario per accorciare i meccanismi di evoluzione e selezione naturale che da sempre hanno regolato i cicli di esistenza umana - ha commentato Luca Tomassini, Fondatore, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Vetrya – siamo orgogliosi di contribuire con questa cattedra alla formazione dei giovani in quest'ambito, affinché possano in futuro portare avanti la grande rivoluzione digitale che ci attende. Siamo solo all'inizio".

 La cattedra, sostenuta dal Gruppo Vetrya è solo l'ultima delle iniziative rivolte alle giovani generazioni realizzate dalla multinazionale italiana. Oltre ad aderire al programma ministeriale di alternanza scuola-lavoro, ospitando all'interno del proprio corporate campus gli studenti provenienti dai licei, Vetrya promuove numerosi programmi di tirocini ed inserimento in convenzione con le Università. Assegna inoltre dal 2017 una borsa di studio per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0 nell'ambito dei Premi di Laurea del Comitato Leonardo.

"Per rispondere alle crescenti richieste degli employer, già da qualche anno, il Dipartimento di Impresa e Management ha reclutato professori di Computer Science, Machine learning e Data science. – ha commentato Alessandro Zattoni, Direttore del Dipartimento di Impresa e Management dell'Ateneo – L'ingresso di questi nuovi docenti ha consentito all'Università sia di arricchire le competenze degli studenti che frequentano i corsi di laurea su temi manageriali, sia di sviluppare nuovi progetti formativi - un Bachelor e, in futuro, un Master of Science - sui temi di Management and data science. La cattedra in "Machine Learning and Artificial Intelligence", frutto della collaborazione con una realtà di successo come Vetrya, rafforza il legame storico tra Luiss e il mondo imprenditoriale e manageriale".

E il Rettore  della Luiss, Andrea Prencipe ha aggiunto: "Il nostro Ateneo viaggia, da sempre, con due anime interconnesse: quella del rigore accademico e quella della rilevanza pratica. La trasformazione digitale ci sfida a ripensare le logiche tradizionali e a utilizzare un approccio formativo che sia sempre più basato sulle evidenze e sulla teoria. – sostiene La digitalizzazione e lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, della robotica e delle infrastrutture dell'information technology rappresentano un cambiamento epocale. Non conosciamo il lavoro che verrà ma siamo chiamati a pianificare il futuro delle persone e delle aziende con una ibridazione dei saperi' dove le scienze sociali e le human skills sono fondamentali, perché i dati senza un dominio di applicazione non hanno senso."




--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 13 febbraio 2020

La ricerca dell'Università Iuav di Venezia premiata con due borse Marie Curie

Iuav si aggiudica due borse del programma europeo Marie Skłodowska-Curie, su 856 proposte pervenute.
500.000 euro l'importo dei finanziamenti

I temi di ricerca: un innovativo approccio "di genere" all'ecologia e pianificazione del mare; l'influenza dell'ambiente sonoro nelle politiche urbane e nell'inclusione sociale

Ottime notizie per l'Università Iuav di Venezia con i recentissimi risultati della Call 2019 Marie Skłodowska-Curie, che finanzia lo sviluppo della carriera di ricercatrici e ricercatori sostenendone la mobilità internazionale, intersettoriale e interdisciplinare, nell'ambito del programma europeo Horizon 2020.

L'Ateneo si è aggiudicato due borse Global Fellowship (GF), per un valore complessivo di oltre 500.000 euro sui 50 milioni messi a disposizione quest'anno. Un risultato eccezionale, se si pensa che alla Call sono state presentate ben 856 proposte progettuali e che entrambe le proposte di ricercatori Iuav sono state finanziate.

Le borse GF prevedono per i ricercatori una "fase in uscita" presso un ente di ricerca in un paese terzo e una "fase di rientro" di 12 mesi presso la propria università di origine, per riportare a casa le importanti esperienze e competenze acquisite con la mobilità.

Elena Gissi, con la supervisione dei docenti Francesco Musco e Fiorenza Micheli (co-direttrice del Stanford Center for Ocean Solutions), trascorrerà 24 mesi presso la Stanford University, in California, considerata una delle migliori università al mondo. Lavorerà al progetto MEDIX - Marine Environmental DynamIcs and seX-based analysis for climate change adaptation in marine spatial planning.
MEDIX contribuirà a creare un nuovo approccio alla Pianificazione Spaziale Marittima (MSP, un processo pubblico che mira a ottimizzare l'utilizzo del mare a vantaggio sia dello sviluppo economico che dell'ambiente), esplorando come la valutazione dinamica dei Servizi Ecosistemici rispetto agli scenari di cambiamento climatico possa portare a una gestione e pianificazione innovative dello spazio marittimo.
Inoltre, la ricerca Iuav esplorerà per la prima volta le frontiere dell'innovazione di genere nella conservazione e nella pianificazione del mare, integrando la cosiddetta "analisi di sesso" nello studio delle risposte ai cambiamenti climatici di organismi marini ed ecosistemi.

Nicola Di Croce, supervisionato dalle docenti Francesca Gelli e Catherine Guastavino, sarà invece ospitato per 24 mesi dalla McGill University di Montréal, dove svilupperà il progetto SOUNDCITY - Sonic inquiry in urban research: advancing policy analysis and design through sound planning tools. L'ambiente sonoro ci circonda costantemente e contribuisce alla costruzione di una particolare atmosfera che influenza direttamente la qualità dell'urbano, perché ha la capacità di attrarci o respingerci, di farci sentire o meno a nostro agio, di farci percepire un senso di protezione o di insicurezza. Con la sua ricerca, Di Croce si propone di dimostrare come l'investigazione dell'ambiente sonoro possa essere utile all'analisi di politiche urbane e influenzarne il disegno, e quanto l'impiego di installazioni e interventi sonori nello spazio pubblico possa promuovere l'inclusione sociale e lo sviluppo locale sostenibile.

Le due borse si aggiungono a quella già vinta nel 2015 da Elena Ostanel con il progetto NEIGHBOURCHANGE - Social innovation and urban revitalization in hyperdiverse local societies, sotto la supervisione della docente Laura Fregolent. Elena Ostanel è rientrata dal suo periodo di mobilità, svolto presso l'Università di Toronto, e continuerà a lavorare al suo progetto fino a ottobre 2020.





--
www.CorrieredelWeb.it

Lavoro: a Sarezzo apre HumanLounge

Lavoro: Humangest inaugura a Sarezzo "HumanLounge" un nuovo concetto di filiale per i lavoratori del bresciano

Un successo l'evento di apertura della nuova filiale Humangest

 

Sarezzo, 12 febbraio 2020 – è stato inaugurato oggi "HumanLounge", lo spazio destinato ai lavoratori del bresciano e della Val Trompia.

 

"HumanLounge" è la nuova filiale di Sarezzo dell'Agenzia per il lavoro Humangest, la 45esima filiale aperta in Italia, che riflette l'innovativo modo in cui promuoviamo l'innovazione nel mondo del lavoro. L'apertura segna un nuovo traguardo per il Gruppo SGB Humangest e per le aziende del territorio bresciano grazie a uno spazio multimediale, innovativo, condiviso, a disposizione dei lavoratori 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

LE DICHIARAZIONI

 

"In un mercato del lavoro che muta e si evolve continuamente, Humangest è un'Agenzia che si contraddistingue per la capacità di percepire e di saper ascoltare i bisogni e le esigenze di aziende e lavoratori in modo innovativo. Questo spazio così aperto e moderno ne rappresenta l'ennesima testimonianza" – ha commentato Roberto Maroni, Presidente del Gruppo SGB Humangest – "HumanLounge a Sarezzo è un progetto pilota, unico nel suo genere, che abbiamo intenzione di estendere ad altre aree della Lombardia e d'Italia con un'alta densità di aziende ma dove mancano luoghi destinati al riposo, al benessere e allo svago dei tanti lavoratori presenti. Anche così, intendiamo promuovere un nuovo modello di work-life balance in cui la persona è al centro".

 

Gianluca Zelli, Amministratore Delegato del Gruppo SGB Humangest, ha spiegato come è nato il progetto: "Quando abbiamo scelto di aprire una nuova filiale a Sarezzo, come sempre accade nella fase di pianificazione strategica legata alla presenza sul territorio, ci siamo detti: 'Facciamolo, ma a modo nostro.' Così è nata l'idea di creare qualcosa che non fosse la solita filiale ma uno spazio diverso, che potesse accogliere i lavoratori tutto il giorno, tutti i giorni, ma comodo, perché vicino al proprio posto di lavoro e dove dunque poter trascorrere parte del tempo libero in relax e armonia, allentando le tensioni e le fatiche della giornata lavorativa. HumanLounge riflette più che mai il nostro modo di intendere il lavoro e, aggiungo, il DNA stesso della nostra azienda, un DNA fatto di passione per ciò che facciamo, di capacità di sentire i bisogni di chi lavora con noi, di voglia di misurarsi sempre con nuove sfide andando oltre ciò che viene fatto di solito dagli altri player presenti sul mercato. è proprio questo che contraddistingue SGB Humangest e che, oggigiorno, fa la differenza".

 

FUNZIONAMENTO E SERVIZI PER I LAVORATORI

 

Attraverso un programma di accumulo crediti collegato alle ore di lavoro svolte, ogni lavoratore Humangest può accedere a HumanLounge grazie a una card elettronica 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ed usufruire di servizi all'avanguardia dedicati a svago e relax con i propri colleghi e amici. I servizi vanno dalla visione illimitata di Sky e Dazn all'accesso gratuito ad internet e, ancora, alla possibilità di giocare alla PlayStation, di utilizzare i distributori gratuitamente o persino di ordinare pietanze da consumare in loco tramite il noto servizio di consegne "Deliveroo", ora disponibile anche a Sarezzo grazie alla partnership attivata con Humangest. I lavoratori che hanno accesso a HumanLounge possono decidere, ad esempio, di guardare una partita con i propri amici su uno schermo 55 pollici ad alta definizione, consumando dentro il locale pietanze calde o, se lo preferiscono, giocare alla PlayStation con i colleghi dopo una giornata di lavoro.

 

 

HumanLounge si trova a Sarezzo, nel territorio della Val Trompia, in via Dante Alighieri 107.

 

L'ingresso è riservato ai lavoratori Humangest, tramite card dedicata, 24/7.

 

La filiale è inoltre aperta al pubblico dal lunedì al venerdì,

dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 11 febbraio 2020

Safer Internet Day, FINAS con Cuore Digitale contro bullismo e cyberbullismo

Safer Internet Day 2020, Future Is Now con Cuore Digitale contro bullismo e cyberbullismo

In occasione del Safer Internet Day (SID) 2020, Giornata mondiale per la Sicurezza in Rete, l'associazione culturale Future Is Now supporterà la seconda edizione dell'evento #bulliNO – Le scuole contro il bullismo e il cyberbullismo, patrocinato dal Comune di Roma e organizzato dall'Associazione Cuore Digitale, che si svolgerà oggi dalle ore 10 presso il Teatro India a Roma. Numerose le scuole romane che hanno aderito all'iniziativa, per un totale di 300 studenti partecipanti su 600 richieste pervenute.
La giornata si aprirà con lo spettacolo teatrale "Silvia" di FMG Produzione e proseguirà con gli interventi di personalità istituzionali, professionisti, esperti, speaker radiofonici e personaggi del mondo sportivo. Per l'associazione Future Is Now interverranno il Presidente nazionale Filippo Pompei e la Dott.ssa Adriana Battaglia, già autrice di numerose pubblicazioni in materia e Referente Scientifica di progetti della Commissione Europea contro il bullismo e il cyberbullismo, che esporrà le linee guida del MIUR per il contrasto al fenomeno.

#bulliNO si rivolge soprattutto ai giovani, ma anche agli adulti che spesso sottovalutano realtà poco conosciute, per sensibilizzare scuole e famiglie sui comportamenti pericolosi che scaturiscono dal web e dalla diffusione dei social network. L'associazione Cuore Digitale si propone anche di informare sulle tecnologie informatiche, come l'intelligenza artificiale, che oggi permettono a docenti e genitori di monitorare e prevenire situazioni a rischio. Future Is Now, già attiva sul territorio nazionale con il progetto pilota Bullo 2.0, da sempre profonde il suo impegno per educare all'uso consapevole degli strumenti digitali ed è lieta di partecipare, come ogni anno fin dalla propria fondazione, a un'iniziativa – come il SID – di cui condivide appieno l'urgenza formativa e sociale.

Proprio per divulgare il progetto Bullo 2.0, realizzato in collaborazione con il MIUR nell'ambito del programma Generazioni Connesse, nel pomeriggio del SID 2020 l'associazione Future Is Now si sposterà a L'Aquila per incontrare 250 studenti del liceo Domenico Cotugno, dove interverranno Adriana Battaglia e il Presidente Pompei.


Location:

Teatro India
000146 – Roma
Ingresso di servizio per disabili: via Luigi Pierantoni, 6

Liceo Domenico Cotugno
Via Leonardo da Vinci, 8
67100 – L'Aquila



--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 3 febbraio 2020

Focus lavoro: i dati 2019 del JobCareer Center di CUOA Business School

Focus lavoro: i dati 2019 del JobCareer Center di CUOA Business School

Il JobCareer Center CUOA è il centro dedicato al monitoraggio del mercato del lavoro e alla creazione delle migliori occasioni di incontro tra gli Alumni e gli allievi della scuola e le aziende partner alla ricerca di profili con elevate skills tecniche e trasversali. Nel 2019 ha gestito circa 500 offerte di lavoro e tra queste (59%) ricerche per profili alla prima esperienza lavorativa.

Altavilla Vicentina (VI) – 03 febbraio 2020. Nell'era della trasformazione tecnologica il mondo del lavoro sta cambiando e con esso anche i processi formativi, necessari per fissare le competenze chiave per l'inserimento occupazionale. Per questo la connessione tra il JobCareer Center di CUOA e le aziende partner è un elemento fondamentale per gli Alumni e allievi della Business School, non solo scuola di management, ma vero luogo in cui si incontrano la ricerca e il mercato, il sapere e il fare. Qui le persone e le aziende possono trovare le risposte concrete al loro bisogno di crescita e affermazione professionale.

Nel 2019 il Centro ha lavorato per l'80% attraverso segnalazioni dirette da parte delle aziende (dato in crescita del 10% rispetto al 2018) e per il 20% con segnalazioni avute da parte di società di selezione partner.

Rispetto allo scorso anno la richiesta di profili con esperienza è rimasta piuttosto stabile, fissandosi a un 41 %, rimane significativa la richiesta di profili junior con un 59% di ricerche gestite. 

Le imprese riconoscono negli allievi del CUOA persone pragmatiche, che hanno acquisito e sviluppato strumenti immediatamente applicabili nella quotidianità aziendale. Si tratta di realtà presenti principalmente in Veneto (con oltre l'87%), in Lombardia (con circa il 7%), in Friuli (2%), in Emilia (1%) e in aziende italiane che cercano per le loro sedi all'estero (oltre il 3%).

Le ricerche di capitale umano qualificato gestite dal JobCareer Center del CUOA hanno coinvolto tutti i settori, registrando rispetto al 2018, un incremento significativo nell'area Commerciale e Marketing: dal 19% al 38%. A seguire si registrano ricerche in area Amministrazione Finanza e Controllo (18%) e Produzione e Lean (12%). Seguono Product & Project Management (10%), HR (6%), Acquisti (5%) e General Management (5%), ICT (4%) e Fiscale e Legale (2%).

Il JobCareer Center oltre a gestire posizioni di inserimento, stage e momenti di orientamento, organizza anche i Career Day: giornate dedicate al Placement del network Alumni Master CUOA e occasioni fondamentali per avere colloqui one-to-one con le funzioni HR delle aziende. Il Career Day 2020 è già programmato per il prossimo 10 ottobre.

CUOA Business School
CUOA (Centro Universitario di Organizzazione Aziendale) è tra le più importanti Business School italiane e da 60 anni svolge attività di formazione e diffusione della cultura imprenditoriale e manageriale, rivolta a imprenditori, manager, professionisti e giovani neolaureati. Si propone nel mercato nazionale e internazionale con attività e percorsi di formazione che rispondono alle nuove sfide professionali e promuovono lo sviluppo di nuovi modelli  di business. La sua offerta include: MBA e master, corsi executive e progetti su misura per le imprese, i professionisti e i manager; formazione e consulenza per l'area banking e finanza; progetti in collaborazione con Istituzioni estere per l'internazionalizzazione delle imprese; attività per lo sviluppo manageriale delle Pubbliche Amministrazioni; diffusione della cultura del Lean Management in Italia; è centro formazione, affiancamento e ricerca sui temi dell'imprenditorialità, con un particolare focus sulle imprese familiari e sulle famiglie imprenditoriali.


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *