CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Lavoro e Formazione

Cerca nel blog

venerdì 10 agosto 2018

5 consigli indispensabili per imparare l'inglese divertendosi con serie e film

5 consigli indispensabili per imparare l'inglese divertendosi con serie e film

 

Milano, agosto 2018 – Durante l'estate molti italiani approfittano del tempo libero per praticare il loro hobby favorito o imparare cose nuove, incluso per migliorare il proprio livello d'inglese. Ma come tengono in allenamento il proprio inglese gli italiani? 

Secondo un recente studio condotto dall'accademia online di inglese ABA English, nel tempo libero la maggior parte degli italiani studia inglese tramite app (39%), a seguire guardando film in lingua (18%), leggendo libri (15%) o ascoltando musica (15%).

Il sondaggio rivela come nella penisola si sia ancora legati all'italiano come lingua veicolare di film e serie, infatti ben il 40% degli intervistati dichiara di guardarle in italiano e senza sottotitoli. 

Seguono da vicino altre alternative come vederli in versione originale con sottotitoli in inglese (30%), in versione originale con sottotitoli in italiano (17%) o in italiano con sottotitoli in inglese (7%).

 

Solo una minima parte (5%) dichiara di vedere film e serie in versione originale senza sottotitoli, questo dato dimostra ancora una volta quanta strada ci sia da fare in termini di apprendimento dell'inglese attraverso i film. Per questo, gli esperti di ABA English offrono 5 consigli utili per imparare l'inglese mentre ci si gode un buon film o la serie del momento.

 

1.    Scegli il film pensando al tuo livello d'inglese

Regola fondamentale per imparare l'inglese attraverso un film o una serie è di pensare attentamente al proprio livello d'inglese. Se si ha difficoltà nella comprensione orale, si possono usare i sottotitoli in inglese come supporto, ma è preferibile non guardare il film in italiano. Per aiutarti a raggiungere l'obiettivo, gli esperti di ABA English suggeriscono i seguenti tre film a seconda del tuo livello di inglese:

o    Beginner: Hotel Transylvania 3: Summer Vacation (in italiano: Hotel Transylvania 3 – Una vacanza mostruosa)

o    Intermediate: Jurassic Park

o    Advanced: Ocean's Eleven

 

2.    Scegli la versione originale

Non c'è modo migliore per imparare l'inglese divertendosi che farlo con i film o le serie che amiamo in versione originale (VO). In questo modo, ti sforzerai meno per mantenere tutti i tuoi sensi al lavoro. Se il tuo livello d'inglese è ancora piuttosto basso, è meglio scegliere un film che hai già visto in italiano per capire più facilmente la trama.

 

3.    Abitua l'orecchio

Nel caso in cui ti siano necessari i sottotitoli per seguire il film, è consigliabile non concentrarsi su di essi, altrimenti l'udito avrà più difficoltà a prestare attenzione e ad abituarsi all'inglese orale. In questo modo, senza rendertene conto, il tuo orecchio sarà sempre più abituato a capire qualsiasi accento e riconoscere le parole che già conosci.

 

4.    Fatti guidare dal contesto

Se il tuo livello d'inglese non è molto alto, è più che probabile che tu possa perdere il filo di certe conversazioni a causa di parole o espressioni ancora sconosciute. Non preoccuparti per questo, concentrati sull'identificazione delle parole chiave di ogni scena e cerca di capire l'idea generale della conversazione.

 

5.    Prendi appunti e arricchisci il tuo vocabolario

Cerca di tenere con te un quaderno e una penna per segnarti quelle parole ed espressioni che non capisci durante la proiezione del film. Scrivendo, la tua mente le memorizzerà più facilmente. Dopo il film, puoi cercare nel dizionario il significato delle parole segnate per migliorar il tuo vocabolario, cercando poi di creare frasi con queste parole o espressioni da usare alla prima occasione.

 

"Per gli amanti di cinema o serie tv imparare l'inglese con i film è uno dei modi più efficaci e divertenti per migliorare la conoscenza della lingua. Come in ogni cosa della vita, imparare divertendosi è il miglior modo affinché tutti i nostri sensi prestino la necessaria attenzione ai contenuti che vogliamo imparare, rendendo così l'apprendimento più veloce ed efficiente", dice Robin Motheral, professoressa di ABA English.


ABA English

ABA English è un'accademia d'inglese online con milioni di alunni in oltre 170 paesi, leader nell'insegnamento dell'inglese online in America Latina e nei paesi dell'Europa del sud. Si distingue per un metodo di insegnamento che applica all'ambiente digitale i principi dell'apprendimento naturale della lingua madre, attraverso l'utilizzo di cortometraggi autoprodotti. 

ABA è una startup che ha ricevuto vari riconoscimenti nel settore EdTech, quali il premio alla 'Migliori App Educativa' di Reimagine Education, ed è stata segnalata da Apple e Google come una delle migliori applicazioni nel campo educativo. Inoltre, dal 2016 è la prima accademia completamente digitale autorizzata a rilasciare i certificati ufficiali di Cambridge English. ABA English ha sede a Barcellona e il suo team è formato da oltre 80 professionisti di 20 nazionalità.



--
www.CorrieredelWeb.it

Premio tesi di laurea sui modelli innovativi di gestione dei rifiuti


Torna il premio di AVA alle migliori tesi di laurea sul tema rifiuti

Dopo il successo della prima edizione, anche quest'anno Alto Vicentino Ambiente indice il concorso che premia le migliori tesi di laurea che hanno come argomento i modelli innovativi per la gestione dei rifiuti.

 

Alto Vicentino Ambiente annuncia la seconda edizione del concorso che assegna un premio alle migliori tesi di laurea sulla gestione innovativa dei rifiuti. Possono partecipare le tesi che trattano temi legati alle nuove tecnologie, ai materiali riciclabili, ai trattamenti dei rifiuti, alla valorizzazione del rifiuto nella produzione di energia, a nuove forme di gestione/efficientamento del servizio di raccolta, ai sistemi di partnership per la riduzione dei rifiuti.

 

Il concorso si rivolge a tutti i laureati delle Università italiane che abbiano discusso o debbano discutere la tesi di laurea magistrale tra l'aprile del 2016 e l'ottobre del 2018. La novità rispetto alla passata edizione è l'aggiunta di un terzo riconoscimento: i premi in denaro infatti saranno assegnati alle tre tesi che si aggiudicheranno il punteggio maggiore. In particolare, il primo classificato riceverà un premio di 1.500 euro, il secondo classificato uno di 1.000 euro e il terzo classificato un premio di 500 euro.

 

La domanda di partecipazione, scaricabile dal sito www.altovicentinoambiente.it, dovrà pervenire entro e non oltre il 5 novembre 2018 via mail a comunicazione@altovicentinoambiente.it oppure via fax al numero  0445 575813, mentre tutta la documentazione cartacea e in formato elettronico dovrà essere inviata entro il 13 novembre 2018. Per l'invio del materiale cartaceo l'indirizzo di spedizione è AVA - Alto Vicentino Ambiente, via Lago di Pusiano 4 36015 Schio (VI).

 

Tutte le tesi dei partecipanti verranno sottoposte alla valutazione di una commissione e riceveranno un punteggio in base a diversi criteri, quali innovatività della proposta, applicabilità per AVA e i Comuni del territorio, impatto ambientale e risultati conseguibili dall'applicazione della proposta. Gli esiti saranno pubblicati sul sito di AVA a partire dal mese di dicembre 2018. I vincitori saranno premiati nel corso di una cerimonia pubblica, data e luogo della quale sono ancora in via di definizione.

 

Per qualsiasi informazione è possibile contattare Alto Vicentino Ambiente al numero 0445 575707 o alla mail comunicazione@altovicentinoambiente.it. Il bando di concorso e tutte le informazioni sul premio si trovano alla pagina dedicata del sito web di AVA.



--
www.CorrieredelWeb.it

«Il lavoro 4.0 richiede forti competenze e apertura mentale»

«Il lavoro 4.0 richiede forti competenze e apertura mentale»

A Lignano Sabbiadoro (UD) il primo incontro di Economia sotto l'Ombrellone ha messo al centro il futuro dell'occupazione: no a steccati e paura, sì a confronto e conoscenza

 

Mettere da parte la paura e gli steccati: la rivoluzione digitale è un'opportunità che bisogna cogliere e che creerà molti nuovi posti di lavoro, ben più di quanti si perderanno. Lo dimostra il fatto che già oggi il settore digitale in Italia occupa 600mila persone e sviluppa un Pil di 80 miliardi di euro (superiore a quello di tutto il comporto automotive nazionale). E, per quanto sia oggi difficile ipotizzare le nuove professioni che si creeranno nei prossimi anni, una cosa è certa: accanto ad una crescente preparazione tecnica, vi è già a necessità di una profonda preparazione umanistica e una forte attenzione all'etica del lavoro.
Il primo incontro di Economia sotto l'Ombrellone - svoltosi lunedì 6 agosto al Beach Aurora di Lignano Pineta a Lignano Sabbiadoro (UD) - ha dato delle indicazioni chiare sul futuro del mercato occupazionale. Sul tema "Rivoluzione 4.0 e nuovi lavori" sono intervenuti Manuel Cacitti, Ceo di SecurBee giovane società che si occupa di consulenza e servizi nell'ambito della cyber security; Cristiano Ercolani vicepresidente del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (CSIT); Marco Giacomini, amministratore delegato di Real Comm realtà che si propone di rendere accessibile a tutti le tecnologie dell'informazione; Alberto Miotti, fondatore di Servizi 4.0 esperto dei percorsi di digitalizzazione e innovazione delle aziende.

«La storia dimostra - ha sostenuto Giacomini - che il progresso tecnologico sul medio lungo periodo non ha mai fatto perdere posti di lavoro, ma li ha, invece, sempre fatti crescere. Ci sono periodi di adattamento durante i quali determinate tipologie di lavoro diventano obsolete con persone costrette a ripensare il proprio lavoro, ma alla lunga il numero di persone occupate finirà per crescere. Serviranno professionisti preparati dal punto di vista tecnico scientifico, ma anche persone con forte preparazione umanistica perché avremo bisogno di chi produce "le scatole", ma anche di chi riempie quelle "scatole" di contenuti. Se dovessi suggerire ai ragazzi cosa studiare, suggerirei di studiare molto bene con impegno la materia che hanno scelto, ma studiare anche cose che con quella materia non c'entrano niente, perché oggi servono persone eclettiche con competenze trasversali: ingegneri che studiano filosofia, medici che studiano musica, biologi appassionati di letteratura».
«I mestieri che via via spariranno - ha aggiunto Miotti – saranno quelli più pericolosi e a minor valore aggiunto perché quei lavori potranno essere fatti meglio e con meno rischi da macchine e robot. Saranno, invece, sempre più importanti i lavori dove bisogna applicare l'intelligenza umana per sviluppare e guidare le intelligenze artificiali e imparare a interagire con esse. Serviranno, quindi, competenze che sommino una notevole preparazione tecnologica, a una significativa preparazione economica e a profonde competenze umanistiche, unendo hard skills e soft skills».

Davanti ad un futuro dominato dal digitale e dalle rivoluzioni tecnologiche, occorre porre attenzione a una formazione profonda e ampia; una conoscenza approfondita con una mente aperta e qui le esperienze all'estero possono fare la differenza perché insegnano nuovi modi di lavorare, approcci diversi. «La prima cosa da considerare quando si decide come formarsi - ha affermato Ercolani - è scegliere di studiare qualcosa che piace. Può sembrare scontato, ma la passione è sempre il motore più importante per raggiungere i propri obiettivi. A questo, ovviamente, bisogna aggiungere le hard skills quindi forti competenze. Poi, la differenza fra un buon operativo e uno straordinario operativo è data dalle soft skills, ovvero le competenze relazionali, la capacità di cambiar pelle lungo il proprio percorso professionale». Non solo. «Deontologia professionale ed etica del lavoro sono aspetti fondamentali - ha detto Cacitti -. Vista la crescente interconnessione dei sistemi e quindi la potenziale violabilità degli stessi, ci si troverà sempre di più davanti ad un bivio: scegliere strade scarsamente attente alla deontologia professionale o, peggio, eticamente discutibili, oppure rimanere in un certo modo integri? Il mercato ha già dato indicazioni in merito penalizzando fortemente le prime».

In una prospettiva di apertura - tecnologica e mentale -, l'innalzamento di dazi, barriere e muri è un elemento negativo. I relatori hanno concordato nel ritenere che «i dazi e i muri possono avere un effetto protettivo solo per un brevissimo periodo, ma poi l'avanzamento tecnologico finisce per mettere fuori mercato chi non sa stare al passo con i tempi e le barriere finiscono per essere spazzate via dall'innovazione come da un'ondata di piena». Diverso è, invece, essere consci e orgogliosi delle proprie radici, ma aperti al confronto e alla contaminazione. E apertura è anche la parola d'ordine per affrontare i cambiamenti dell'Industria 4.0. Se gli incentivi fiscali hanno fatto in qualche modo da molla, gli effetti si sono registrati in termini di recupero di efficienza, aumento di qualità, riduzione dei costi e miglioramento della sicurezza sul lavoro. «È importante capire che l'opportunità offerta dall'Industria 4.0 - ha chiarito Miotti - è soprattutto culturale, perché consente un aggiornamento complessivo e trasversale a tutti i settori dell'azienda. La cosa fondamentale, dunque, non è data tanto dai cambiamenti tecnologici, ma dalla possibilità che questi danno di cambiare il modello di business».

«L'Industria 4.0 e la digital innovation - ha concluso Ercolani - offrono un potenziale tutto da scoprire: stanno aprendo fronti in cui l'unica cosa che serve realmente è la fantasia di immaginare un mondo nuovo e sviluppare i processi abilitanti per questo mondo». Ecco perché la mera conoscenza, per quanto fondamentale, non basta. Occorre una visione aperta.

L'ottava edizione di Economia sotto l'Ombrellone è organizzata da Eo Ipso - comunicazione ed eventi, ha il patrocinio del Comune di Lignano Sabbiadoro e di Turismo FVG. Main sponsor: Sky Gas & Power, CrediFriuli, Bcc Pordenonese, Bcc Staranzano e Villesse, Banca di Udine. La rassegna ha il contributo di: Confindustria Udine, Ramberti attrezzature balneari, GLP - intellectual property office, Gruppo Greenway Bionenergie, San Daniele bioenergia, Real Comm, Idea Prototipi, SecurBee e Servizi 4.0. Sponsor tecnici: Scriptorium Foroiuliense, Fondazione Villa Russiz, Beach Aurora, Lignano Pineta, Hotel Ristorante President e Porto Turistico Marina Uno.

I prossimi incontri in programma:

Lunedì 13 agosto ore 18.30
"Prospettive della produzione vitivinicola, possibilità occupazionali e attività sociali"
Carlo Feruglio – Presidente Azienda agricola La Ferula
Giulio Gregoretti – Direttore Fondazione Villa Russiz
Marco Tam – Presidente Greenway Srl

Lunedì 20 agosto ore 18.30
"Come investire i propri risparmi in un mondo che cambia"
Leonardo Balconi – Responsabile Area finanza di Credifriuli
Mario Fumei – Consulente finanziario
Andrea Paderni – Consulente finanziario di Copernico SIM
Nicola Rotondo – Direttore generale Investitori Associati Consulenza SIM

Lunedì 27 agosto ore 18.30
"Occasioni di lavoro dal recupero di antichi mestieri"
Vincenza Crimi – Corniciaia
Michele Della Mora – Restauratore di libri e stampe antichi
Roberto Giurano – Direttore Scriptorium Foroiuliense

Al termine degli incontri sarà offerto un aperitivo dalla Fondazione Villa Russiz
L'ingresso è libero e gratuito.



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 4 agosto 2018

PROGETTO LAGRANGE-FONDAZIONE CRT: ​APERTO FINO AL 23 SETTEMBRE IL BANDO PER ​10 BORSE DI RICERCA APPLICATA NEI BIG DATA



 

 

 PROGETTO LAGRANGE-FONDAZIONE CRT:
APERTO FINO AL 23 SETTEMBRE IL BANDO PER
10 BORSE DI RICERCA APPLICATA NEI BIG DATA

 

Fondazione CRT, con il coordinamento scientifico di Fondazione ISI,
rilancia la sfida della ricerca d'eccellenza nei sistemi complessi e dei Big data in Piemonte e Valle d'Aosta

È aperto fino al 23 settembre il bando 2018 per 10 Borse di Ricerca Applicata del Progetto Lagrange-Fondazione CRT, iniziativa ideata, promossa e finanziata dalla Fondazione CRT con il coordinamento scientifico della Fondazione ISI.

Il bando, che si rivolge a laureandi e dottorandi residenti in Piemonte e Valle d'Aosta, offre la possibilità di condurre progetti d'eccellenza in un terreno all'avanguardia nella ricerca scientifica e tecnologica contemporanea come è quello della "Sfida dei sistemi complessi e dei grandi dati".

4 borse di ricerca, della durata di 12 mesi consecutivi, saranno riservate ai possessori di laurea magistrale e ai dottori di ricerca in discipline tecnico-scientifiche che intendano presentare progetti di ricerca applicata, nell'ambito delle tematiche relative ai Big Data. I progetti dovranno essere condotti presso un'impresa – a cui dovrà essere richiesto il co-finanziamento – e saranno coordinati scientificamente dalla Fondazione ISI. L'importo stanziato dalla Fondazione CRT per ciascuna delle borse è fissato in euro 20.000 (al lordo delle ritenute di legge), mentre il co-finanziamento erogato dall'impresa dovrà essere almeno di euro 12.000. Le imprese coinvolte nei progetti dovranno obbligatoriamente avere una sede operativa nel territorio delle regioni Piemonte o Valle d'Aosta.

6 borse di ricerca, sempre della durata di 12 mesi, saranno riservate a possessori di laurea magistrale e ai dottori di ricerca in discipline tecnico-scientifiche che intendano svolgere attività̀ di ricerca applicata, nell'ambito delle tematiche relative a data science e impatto sociale. Le attività dovranno essere condotte, in modalità "internship", presso la Fondazione ISI attraverso un percorso di formazione mirato. L'importo per ciascuna borsa, messo a disposizione da Fondazione CRT, è fissato in euro 23.000 (al lordo delle ritenute di legge).

Dal 2011, attraverso il progetto Lagrange, la Fondazione CRT ha sostenuto oltre 700 giovani ricercatori con borse di dottorato e di ricerca applicata, per un investimento complessivo superiore ai 42 milioni di euro. In questo modo non solo si è contribuito direttamente ai processi di accumulazione di conoscenza scientifica e tecnologica, ma si è reso ancora più agevole ed efficace il fondamentale ponte tra ricerca accademica e sistema delle imprese, potenziando i percorsi e le dinamiche dell'innovazione sul territorio del Piemonte e della Valle d'Aosta. A garanzia della qualità del progetto, il coordinamento scientifico è affidato a Fondazione ISI, l'istituto torinese che da oltre trent'anni è leader internazionale nello studio dei sistemi complessi, con un ruolo d'avanguardia nella ricerca in Big Data, epidemiologia digitale e intelligenza artificiale.

Le candidature devono essere inviate alla Fondazione ISI, all'indirizzo email fondazioneisi@pec.it, entro e non oltre le ore 17 del 23 settembre 2018. Il testo integrale dei bandi, con i criteri di ammissibilità, i moduli da compilare e le regole di partecipazione, è consultabile online sul sito ProgettoLagrange(it). Tra le richieste pervenute, il Comitato Tecnico del Progetto Lagrange – Fondazione CRT sceglierà i candidati a cui assegnare le borse, pubblicando l'elenco definitivo dei vincitori sul sito entro il 15 ottobre 2018.



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 2 agosto 2018

Bonfiglioli Consulting: Lean Factory School(R), primo round di startup e aziende innovative completo!

LEAN FACTORY SCHOOL®, PRIMO ROUND DI STARTUP E AZIENDE INNOVATIVE COMPLETO

Approccio metodologico Lean, Intelligenza Artificiale, IoT, Cloud, Integrazione Orizzontale e Verticale dei processi per la co-creazione di percorsi formativi e tool operativi all'avanguardia per la Fabbrica Lean 4.0

 

Bonfiglioli Consulting, società di consulenza specializzata in soluzioni predittive di organizzazione aziendale, annuncia di aver completato la selezione del primo round di startup che salirà a bordo della sua Lean Factory School®, l'impresa-palestra patrocinata da Confindustria Emilia, dove manager e operatori di macchina indossano camici e tute da lavoro e, armati di cacciaviti, trapani, tablet e indicatori digitali, si confrontano con i problemi reali delle linee produttive e sperimentano le potenzialità delle tecnologie abilitanti la Fabbrica 4.0 quali il Cloud, l'Industrial Internet, il Big Data and Analytics, l'Horizontal/Vertical Integration applicate per garantire una maggiore velocità, elasticità, capacità decisionale della "fabbrica".

 

"Da sempre impegnati in un approccio metodologico dove la teoria assorbe meno del 20% per dare spazio alla pratica – spiega Michele Bonfiglioli, Amministratore Delegato di Bonfiglioli Consulting - questa iniziativa rappresenta un ulteriore passo avanti in un percorso di co-creazione che è al tempo stesso spazio di esplorazione concreto per le start up e le aziende innovative che qui potranno testare, validare e prototipare nuove soluzioni lean digital in un ambiente attrezzato con macchine produttive e tecnologie abilitanti la digital transformation e nuova linfa per le aziende che avranno modo di beneficiare in anteprima di strumenti formativi e tools operativi estremamente all'avanguardia".

 

Attualmente, sono entrate a far parte del progetto di co-creazione: DIGIBELT, start-up innovativa con l'obiettivo di creare una piattaforma software di "prodotti" Lean Industry 4.0 che consenta di fluidificare ulteriormente i processi produttivi e di accelerare il miglioramento continuo strutturato supportato da informazioni fruibili in Real Time; OROBIX che ha introdotto un approccio disruptive fondato sull'applicazione di algoritmi di Intelligenza Artificiale finalizzati ad azzerare i problemi di qualità, a predire i guasti e a ottimizzare la schedulazione, già applicati in diversi settori industriali quali Life Science (biomedico, farmaceutico, diagnostico), Automotive, Industrial Goods; EXOR INTERNATIONAL che progetta e produce soluzioni dal "edge" che comprende HMI (Human Machine Interface) al Corvina Cloud, un piattaforma industriale che permette di raccogliere e analizzare dati provenuti dal "edge", risolvendo i problemi di vari protocolli di comunicazione.

 

"I filoni di sviluppo su cui attualmente stiamo collaborando – continua Umberto Mirani, Senior Partner di Bonfiglioli Consulting - riguardano la digitalizzazione delle macchine, montaggi e asservimenti di materiale, le cui informazioni raccolte in real time vengono inviate su tabelloni digitali, tablet, smarphone. Il gran pregio di questo lavoro sta nel fatto che quanto sviluppato all'interno della Lean Factory School® viene direttamente testato sul campo, in alcune aziende clienti di Bonfiglioli Consulting che stanno facendo da apripista nella sperimentazione avanzata. A questi, si aggiunge poi un altro progetto di digitalizzazione della manutenzione professionale e autonoma attraverso l'utilizzo di sensori e di algoritmi predittivi per azzerare i guasti, in cui abbiamo coinvolto oltre alle new entry della Lean Factory School®, anche l'Università di Scienze Informatiche di Bologna".

 

Per completare la squadra, l'ultimo tassello potrebbe essere rappresentato da una start up specializzata nella realtà aumentata. "A tal proposito, – conclude Michele Bonfiglioli di Bonfiglioli Consulting - stiamo analizzando vari dossier."

 

Bonfiglioli Consulting

Bonfiglioli Consulting, dal 1973, è una società di consulenza che lavora per offrire soluzioni predittive di organizzazione aziendale funzionali alla crescita dell'impresa. Le sedi in Italia (Bologna, Padova e Milano) e all'estero (San Diego, Nuova Delhi, Bangalore, Pune, Hanoi, Ho Chi Min, e Belo Horizonte) insieme alla partnership con Cordence Worldwide, alleanza strategica di 10 società di consulenza internazionali presente in 23 paesi nel mondo, consentono di offrire alle aziende clienti un know-how globale incentrato sull'innovazione e approcci pratici distintivi in relazione al tipo di processo aziendale. Per continuare una storia di eccellenza, nel 2010 Bonfiglioli Consulting ha completato con successo il suo primo passaggio generazionale, diventando uno dei rari casi di continuità famigliare nel mondo della consulenza. Dal 2012 Bonfiglioli Consulting, con il patrocinio di Confindustria Emilia, ha dato vita alla Lean Factory School®, una scuola di formazione innovativa, strutturata per applicare i concetti del Lean Thinking sul campo. È la soluzione formativa per chi desidera "imparare facendo", dove il lavoro in team inter-funzionali diventa la chiave per raggiungere risultati brillanti, toccare con mano il miglioramento continuo, affrontare e risolvere i tipici problemi aziendali, con metodo e coinvolgimento. La sede stabile di Bologna offre un ambiente che riproduce la realtà aziendale con linee produttive, aree uffici e soluzioni di digitalizzazione per toccare con mano le opportunità dell'Industry 4.0 con risultati visibili e misurabili. Grazie all'opzione delle sessioni itineranti, invece, la scuola entra dentro l'azienda organizzando percorsi ad hoc per affrontare e risolvere specifiche problematiche e implementare soluzioni in grado di valorizzare le eccellenze e potenziare la competitività. Bonfiglioli Consulting è anche autore di numerosi libri di approfondimento sulla metodologia Lean. L'ultimo è "L'Innovazione Infinita – Buone pratiche e strumenti operativi per sostenere il flusso dirompente delle idee", Charta Bureau Edizioni.



--
www.CorrieredelWeb.it

Dalla Puglia a Torino: 25 studenti saranno “angeli custodi” dei delegati di Terra Madre Salone del Gusto 2018



Terra Madre Salone del Gusto si tiene dal 20 al 24 settembre 2018

con eventi a Torino e in tutto il Piemonte

ed è organizzata da Slow Food, Città di Torino e Regione Piemonte.


Image

Vengono dalla Puglia gli "angeli custodi" dei delegati di Terra Madre Salone del Gusto 2018

Alternanza scuola-lavoro in trasferta dal 20 al 24 settembre a Torino per 25 ragazzi del liceo linguistico Da Vinci di Fasano.


 

Il pomodoro regina di Torre Canne, il biscotto di Ceglie Messapica, gli agrumi del Gargano, la cipolla rossa di Acquaviva, le mandorle di Torrito. Ecco alcuni dei 18 Presìdi Slow Food della Puglia che saranno protagonisti dell'edizione 2018 di Terra Madre Salone del Gusto, a Torino dal 20 al 24 settembre.


 

Insieme alle colture e alle produzioni tradizionali, come ambasciatori pugliesi ci saranno anche i 25 ragazzi della V E del liceo linguistico Da Vinci di Fasano (Br) che saranno in Piemonte per un progetto di alternanza scuola-lavoro "in trasferta".

 

L'iniziativa è stata ideata dall'insegnante Valentina Melpignano che fa parte della Condotta Slow Food Piana degli Ulivi, in collaborazione e in stretto contatto con il fiduciario della Condotta locale di Slow Food Francesco Ghionda.

 

Gli studenti, durante le giornate di Terra Madre, aiuteranno e supporteranno lo staff di Slow Food mettendo alla prova le loro competenze linguistiche, acquisite al Da Vinci e in numerosi stage e soggiorni in Italia e all'estero. Una missione che ha coinvolto così tanto i ragazzi che le famiglie hanno deciso di farsi carico del costo del volo dalla Puglia a Torino, mentre vitto e alloggio saranno coperti dalla scuola, come previsto dalla norma sull'alternanza.

 

«Il nostro obiettivo come docenti – racconta la professoressa Melpignano – è mettere alla prova gli allievi in un contesto internazionale, a contatto con persone provenienti dai diversi continenti. Quale occasione migliore di Terra Madre Salone del Gusto, in cui si parla di cibi e produzioni dal mondo, dove si respira e si pratica cultura? I ragazzi vogliono sperimentare contesti reali, non effettuare simulazioni guidate. A Torino staranno a contatto con delegati da 160 Paesi e dovranno aiutarli a comunicare e a orientarsi nella manifestazione, mettendo in pratica competenze che vengono richieste quando ci si affaccia al mondo del lavoro».

 

La V E del liceo di Fasano inizierà l'anno scolastico il 19 settembre. Il giorno successivo, il gruppo si imbarcherà su un volo per Torino.

 

«Siamo in costante contatto con gli organizzatori – aggiunge l'insegnante – a cui abbiamo fornito tutte le competenze di ogni singolo studente, in modo che ciascuno possa essere assegnato al compito per cui è maggiormente portato. Intanto, anche in questo periodo di vacanza, i ragazzi continuano a essere in contatto fra loro, a proseguire nella preparazione, ad aggiornarsi sulle ultime novità da leggere per iniziare a scoprire Terra Madre Salone del Gusto e approfondire la conoscenza di Slow Food, movimento con il quale la nostra scuola ha firmato da tempo un protocollo d'intesa per portare avanti numerosi progetti sul nostro territorio» .

Terra Madre Salone del Gusto è resa possibile grazie al contributo delle tantissime aziende che hanno creduto in questo progetto e che insieme a noi si stanno impegnando per rendere l'edizione 2018 la più bella di sempre. Citiamo qui gli Official partner: GL events, Iren, Lavazza, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

Con il sostegno di Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Associazione delle fondazioni di origine bancaria del Piemonte.




--
www.CorrieredelWeb.it

Abbonamento studenti, "Discriminazione vergognosa": gli enti di formazione attaccano la Regione Campania


Abbonamenti gratuiti studenti: "Discriminazione vergognosa", gli enti di formazione attaccano la Regione

 

Il presidente del Movimento Luca Lanzetta: "I nostri studenti sono equiparati ai sensi di legge a quelli dell'istruzione pubblica e paritaria, non siamo educazione di serie B"

 

 

Anche per l'anno scolastico 2018-19 il consorzio Unico rilascerà, per volontà della Regione Campania, gli abbonamenti gratuiti per gli studenti residenti. Ma sono esclusi dall'agevolazione gli studenti dei corsi di formazione professionale.

 

"Una discriminazione vergognosa – commenta Luca Lanzetta, presidente del Movimento Libero e Autonomo, sindacato di categoria delle agenzie formative – che ancora una volta si fonda sulla convinzione dei nostri burocrati e rappresentanti alle istituzioni che esista un'educazione di serie A e una di serie B. In realtà i nostri allievi sono completamente equiparati, ai sensi del d.d. 715/2018, agli altri studenti".

 

"Ci chiediamo – continua Lanzetta – come sia possibile che esista ancora chi riesce a dimenticare l'enorme fetta di utenza che si rivolge a noi. I numeri parlano chiaro: la formazione professionale in questo momento non è un'alternativa alla 'scuola' ma un percorso non solo di pari dignità, ma che garantisce alti livelli di assorbimento nel mondo lavorativo".

 

"Ci batteremo – conclude Lanzetta – affinché i diritti dei nostri allievi e la loro dignità vengano rispettati. Abbiamo immediatamente dato impulso ai nostri esperti e decideremo nei prossimi giorni in che modo muoverci. È agosto, certo, ma la nostra battaglia non si ferma".




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *