venerdì 12 agosto 2016

Graduatorie scuole specializzazione medicina: risultati online. Esclusi pensano ai ricorsi

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: PUBBLICATE LE GRADUATORIE. «TROPPE IRREGOLARITÀ, MIGLIAIA I RICORSI IN ARRIVO» 

«La parcellizzazione delle sedi impedisce l'applicazione di regole uguali per tutti»

Tra gli oltre 6mila esclusi, sono migliaia i giovani medici pronti a presentare ricorso

Consulcesi a fianco degli aspiranti specializzandi: 1000 consulenti legali per tutelare i loro diritti

«Per il terzo anno di fila, inascoltata la voce dei giovani camici bianchi.

Serve una sede unica per azzerare le difformità nelle diverse sedi d'esame»

 

ROMA, 12 agosto 2016 – «Troppe sedi d'esame – ben 449 in tutta Italia –, incertezza sui programmi, ma soprattutto condizioni ambientali non uniformi» questo il commento del pool di legali di Consulcesi Group, all'indomani della pubblicazione delle graduatorie delle scuole di specializzazione. Anche quest'anno monta la protesta per un concorso che ha escluso più della metà dei candidati – solo 6700 contratti a fronte di oltre 13mila candidature – e sul quale grava l'ombra di numerose irregolarità. «Tra queste – spiegano ancora i legali Consulcesi – la eccessiva parcellizzazione delle sedi d'esame, incongrua se rapportata a un sistema di selezione basato su una graduatoria nazionale, il ricorso a strutture attrezzate in maniera non adeguata, sia dal punto di vista hardware/software sia da quello strutturale, la formazione non uniforme del personale d'aula, di ostacolo all'applicazione di regole uguali per tutti. Molto discussa dai giovani professionisti anche l'inclusione nella prima prova del test, comune a tutti i candidati, di quesiti riguardanti il triennio pre-clinico, con argomenti ritenuti poco adatti a valutare le competenze del medico, in quanto non contemplati dalla medicina clinica».

 

Alla luce di queste evidenze, e in seguito alle numerose segnalazioni ricevute da Consulcesi subito dopo la chiusura dei test, è plausibile attendersi una nuova ondata di ricorsi da parte dei candidati che ritengano di essere stati ingiustamente sfavoriti da un sistema di valutazione considerato poco meritocratico e che già in passato è stato oggetto di valutazioni critiche da parte delle principali associazioni di rappresentanza dei giovani medici italiani. 


Sotto la lente degli specialisti, oltre alle modalità con le quali si sono svolti i test, anche il complesso meccanismo di formazione e scorrimento delle graduatorie, la cui farraginosità rischia di avere un effetto distorsivo sulla scelta delle sedi di destinazione di coloro che hanno superato il concorso.

 

«Anche quest'anno, per il terzo anno di fila da quando è stato introdotto il nuovo sistema di selezione, sollecitiamo il MIUR affinché aggreghi le sedi del concorso in una sede unica, come avviene peraltro per altri concorsi – basti pensare a quello in magistratura – caratterizzati da un numero di partecipanti a volte anche più elevato. Questo accorgimento consentirebbe di ridurre in maniera sensibile le difformità e di garantire il merito dei candidati, a nostro avviso unico criterio sul quale dovrebbe essere basata una selezione pubblica. Invitiamo i giovani professionisti a non arrendersi di fronte a queste avversità e a contattarci per tutelare i propri diritti qualora ritengano di essere vittime di irregolarità», concludono i legali di Consulcesi Group


A disposizione oltre 1000 consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.177 e sul sito www.consulcesi.it.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI