lunedì 28 febbraio 2011

Ecolamp: gioca con la realta' aumentata!

Scopri la realtá aumentata con Ecolamp!



Lo sai che anche le lampade a basso consumo hanno una seconda vita?
Entra nell'isola ecologica e scopri come.

Ecolamp vi invita a fare un giro nell'isola ecologica in modo interattivo, utilizzando una nuova e spettacolare tecnologia, la realtá aumentata.
Per saperne di più basterá seguire alcune piccole istruzioni.

1. Se hai giá la cartolina, clicca l'icona della realtá aumentata qui in basso.
Scopri la realtá aumentata con Ecolamp! 2. Se non hai ancora la cartolina puoi scaricarla e stamparla da qui.
3. Assicurati di aver collegato la webcam.
4. Consenti l'installazione del plug-in LinceoVR 3.4 Viewer.
5. Posiziona il fronte della cartolina davanti alla webcam.
6. E ora gioca con la realtà aumentata!

La REALTÁ é che riciclare fa bene all'ambiente!


Requisiti minimi di sistema:
4 Gb di RAM
Sistema operativo Windows XP o Superiore
Il plug-in non é compatibile con il sistema operativo MAC

Sassari: in mostra Lamp&Rilamp 2011

Arriva a Sassari il truck Lamp&Rilamp 2011

Sassari ospita la quinta tappa della mostra polisensoriale di Ecolamp volta a sensibilizzare cittadini e scuole sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste


Da martedì 1° a domenica 6 marzo - dalle ore 9.00 alle 19.00 - piazza d'Italia


Ingresso libero


Milano, 28 febbraio 2011- Da domani, martedì 1° fino a domenica 6 marzo, Sassari ospiterà il truck 2011 della mostra polisensoriale Lamp&RiLamp promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dello Sviluppo Economico, nonché del Comune di Sassari, che si terrà in Piazza d'Italia dalle 9.00 alle 19.00 con ingresso libero.

Dopo il successo ottenuto nei precedenti anni con oltre 25.000 visitatori, nella terza edizione il tour toccherà nuove undici tappe, dopo Lamezia, Agrigento, Palermo, Cagliari e Sassari, passerà per Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.

La mostra ha come obiettivo quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp, o di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come previsto dal DM "uno contro uno", in vigore il 18 giugno 2010.

L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti, le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.

"Ecolamp torna per il terzo anno consecutivo nelle piazze italiane proseguendo nel progetto di sensibilizzazione sul tema del riciclo e del trattamento delle lampadine a risparmio energetico rivolto alle famiglie, ai ragazzi e alle amministrazioni cittadine." - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp- "I risultati delle scorse edizioni sono stati molto positivi e i dati di raccolta sono in continuo aumento, ma la strada da fare è ancora lunga. Ecco perché continuiamo nel nostro impegno di sensibilizzare i cittadini, perché siamo consci dell'importanza di promuovere una cultura sull'eco sostenibilità".


Nella sola provincia di Sassari nel 2010 Ecolamp ha raccolto 2.519 chilogrammi di lampade esauste (tra lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti), quasi un quarto dell'intera raccolta nella Regione Sardegna che è stata pari a 10.886 chilogrammi. Le altre province hanno raccolto: Cagliari 3.124, Carbonia Iglesias 260, Ogliastra 480, Nuoro 695, Otranto 2.701, Medio Campidano 229 chilogrammi.

Per maggiori informazioni visitate il sito dedicato alla mostra e al processo di raccolta e trattamento delle lampadine a basso consumo: www.ecolamp.it/lamprilamp

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118

Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469;

Martina Cammareri cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936

giovedì 24 febbraio 2011

Rittal sale in cattedra, con l’Ordine Degli Ingegneri Della Provincia Di Roma.

Grazie alla sua competenza nel campo del Green IT, Rittal è stata scelta dall'Ordine Degli Ingegneri Della Provincia Di Roma come speaker per il seminario formativo “Ottimizzazione delle risorse IT e risparmio energetico per la Business Continuity”, svoltosi lo scorso 9 Febbraio a Roma.

Il seminario, organizzato dall’Ordine in collaborazione con la Commissione Informatica e Telecomunicazioni, Rittal e E4 Computer Engineering, ha permesso agli ingegneri iscritti all’ordine di approfondire le tematiche del controllo dei Data Center e del miglioramento dell’efficienza tramite un controllo costante ed una gestione mirata dell’energia.

Gli interventi di RITTAL, protagonista di tutta la seconda parte della giornata, hanno trattato a 360 gradi il tema dell’ottimizzazione e del risparmio energetico, a partire dai più innovativi sistemi di distribuzione dell’energia, dal Power Center all’UPS, al quadro modulare di distribuzione dell’alimentazione nel CED fino alle canaline di alimentazione modulari nel rack server.

Ampia parte della spiegazione è stata dedicata al raffreddamento, tipicamente destinatario del 45% del consumo energetico dell’intero Data Center e oggetto di grandi sforzi di razionalizzazione, ad esempio con l’impiego di tecnologie ad alto rendimento, lo sfruttamento di energie a basso costo come le acque di falda, l’ottimizzazione dei flussi ed il setup della temperatura dell’aria fredda secondo le direttive 2008 della ASHRAE.

L’analisi dei Data Center realizzati presso il Policlinico di Modena ed il CUP di Capodarco (RM) hanno permesso infine agli intervenuti di approfondire anche i risvolti applicativi delle innovazioni esaminate nel corso dell’incontro.

martedì 22 febbraio 2011

Il seminario in guerrilla, viral e social media marketing

Sono aperte le iscrizioni al primo seminario in Guerrilla, Viral e Social Media Marketing di Bloguerrilla che si terrà il 15 e 16 aprile presso la libreria Flexi in via Clementina 9 - Roma. Il corso di 16 ore coordinato e promosso da Fabio Antonacci aka fables ha l'obiettivo di fornire ai manager un bagaglio indispensabile di strumenti per migliorare la reputazione del proprio brand e, insieme, di presentare agli studenti e agli addetti ai lavori lo scenario di possibilità che il marketing non convenzionale crea all'interno del settore. Tra i docenti si trovano alcuni tra i più attivi professionisti del marketing non convenzionale, ai quali è affidato il compito di affrontare tre aree tematiche esplorando le teorie, le tecniche e le case history più interessanti da condividere e da commentare insieme. E per chi twitta o pubblica la notizia sul proprio blog è previsto uno sconto sull'iscrizione.

Francesco Ghigliotti, co-founder di MagillaGuerrilla, introdurrà prima le origini culturali, le teorie e le tecniche del guerrilla marketing per poi soffermarsi sulla pianificazione e sviluppo delle campagne di marketing non convenzionale.
Mauro Lupi, responsabile della division digital di Ammiro, analizzerà lo scenario delle nuove piattaforme sociali in Italia, la loro influenza sulle strategie di marketing, sul monitoraggio della reputazione e sulla gestione delle conversazioni.
Gianluca Arnesano, founder di FrozenFrogs, presenterà i processi di viralizzazione, l’evoluzione del concetto di viral, il ciclo di una campagna di Word Of Mouth ed i risultati di una campagna in termini quantitativi e qualitativi.
Agli interventi dei docenti seguiranno le testimonianze di due responsabili di alcune tra le più fortunate campagne di marketing non convenzionale: Luca Cardin, fondatore di Terra! Onlus (che presenterà le operazioni di social guerrilla dell'associazione ambientalista) e Federico Mauro, direttore artistico di Fandango, (che analizzando le strategie di promozione dei prodotti cinematografici, si soffermerà sul il lancio del film “Qualunquemente“).

Fabio Antonacci, dopo un’esperienza di due anni nella web agency AdMaiora, fonda nel 2007 bloguerrilla.it, uno dei punti di riferimento dell'informazione di settore, ha collaborato inoltre a numerosi progetti di comunicazione con l'agenzia g-com di Bologna ed è stato redattore per il magazine Subvertising. Nel 2009 ha fondato il network di professionisti MagillaGuerrilla specializzato in marketing non convenzionale. Partecipa in veste di docente a corsi di formazione e Master universitari, interviene come esperto di guerrilla marketing all’interno del programma radiofonico di Radio24: Il Riposo del Guerriero.

Bloguerrilla è un blog nato nel 2007, un punto di riferimento e di incontro per chi studia il guerrilla marketing, che si oppone “ai gessetti e ventoselle”, ovvero a quelle forme di marketing (non-)convenzionale presentate con il catalogo.

Cagliari: mostra Lamp&Rilamp 2011

Arriva a Cagliari la mostra Lamp&Rilamp 2011


Cagliari ospita la quarta tappa della mostra polisensoriale di Ecolamp volta a sensibilizzare cittadini e scuole sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste

Da martedì 22 febbraio a domenica 27 febbraio - dalle ore 9.00 alle 19.00 – Piazza dei Centomila
Ingresso libero
Da martedì 22 febbraio fino a domenica 27 febbraio, Cagliari ospiterà il truck 2011 della mostra polisensoriale Lamp&RiLamp promossa dal Consorzio Ecolamp, conil patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dello Sviluppo Economico, nonché del Comune di Cagliari, che si terrà in Piazza dei Centomila (piazza Paolo VI), dalle ore 9.00 alle ore 19.00 con ingresso libero.Dopo il successo ottenuto nei precedenti anni con oltre 25.000 visitatori, nella terza edizione il tour toccherà nuove undici tappe, dopo Lamezia, Agrigento e Palermo e Cagliari, passerà per Sassari, Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.
La mostra ha come obiettivo quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori Ecolamp, o di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come previsto dal DM "uno contro uno", in vigore il 18 giugno 2010.
L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materialie di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti, le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.
"Speriamo, aderendo alla lodevole iniziativa di Ecolamp, di riuscire a diffondere sempre più anche tra i cagliaritani, i metodi sul corretto smaltimento delle nuove lampade a risparmio energetico", afferma l'assessore alla Pianificazione dei Servizi del Comune di Cagliari, Giovanni Giagoni: "Perché l'utilizzo delle nuove lampadine a basso consumo consente risparmi energetici immediati ma, in più, la conoscenza di consigli per il loro riutilizzo tramite la separazione dei rifiuti e quindi i suggerimenti per un corretto smaltimento, gioveranno all'intera città".
Nella sola provincia di Cagliari nel 2010 Ecolamp ha raccolto 3.124 chilogrammi di lampade esauste (tra lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti), quasi un terzo dell'intera raccolta nella Regione Sardegna che è stata pari a 10.886 chilogrammi. Le altre province hanno raccolto: Sassari 2.519 chilogrammi, Carbonia Iglesias 260, Ogliastra 480, Nuoro 695, Otranto 2.701, Medio Campidano 229 chilogrammi.
"Anche quest'anno Ecolamp torna per il terzo anno consecutivo nelle piazze italiane proseguendo nel progetto di sensibilizzazione sul tema del riciclo e del trattamento delle lampadine a risparmio energetico rivolto alle famiglie, ai ragazzi e alle amministrazioni cittadine." - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp- "I risultati delle scorse edizioni sono stati molto positivi e i dati di raccolta sono in continuo aumento, ma la strada da fare è ancora lunga. Ecco perché continuiamo nel nostro impegno di sensibilizzare i cittadini, perché siamo consci dell'importanza di promuovere una cultura sull'eco sostenibilità".
Sito dedicato: Lamp&RiLamp Press Area: www.ecolamp.it/comunicazione/
Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile, sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118
Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota, pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469
Martina Cammareri, cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936

venerdì 18 febbraio 2011

Carnevale Venezia. Ecolamp, Bosco del riciclo e della luce a campo San Polo




Al Carnevale di Venezia Ecolamp vi invita al Bosco del riciclo e della luce


Ecolamp, Consorzio per il recupero e il trattamento delle lampade fluorescenti esauste, torna al Carnevale di Venezia per promuovere la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste.

L'iniziativa, che ha il patrocinio del Comune di Venezia, è segnalata nel programma ufficiale e sul sito del Carnevale

Dal 26 febbraio all'8 marzo, Campo San Polo, la zona di maggior richiamo per le famiglie, vedrà oltre alla pista di pattinaggio animata da spettacoli e da bravissimi pattinatori, un grande gazebo trasformato ne "Il Bosco della Luce e del Riciclo", area incantata in cui artisti, attori, giocolieri, fantasisti, acrobati metteranno in scena spettacoli comici il cui fil rouge sarà trasmettere i valori della tutela ambientale.

Il "Bosco" verrà animato da personaggi della commedia dell'arte, come il trampoliere Dario Lampa, il clown Loscuro, la super moderna Dina Lampa, che attraverso la fantasia e l'improvvisazione teatrale, il divertimento, giocoleria e acrobazie, teatrini e laboratori interattivi avranno il compito di veicolare il messaggio chiave del Consorzio Ecolamp: le moderne lampadine fluorescenti, che stanno sostituendo le vecchie lampadine a incandescenza, consumano meno, fanno risparmiare energia elettrica, ma quando si esauriscono, non vanno gettate nella pattumiera o nelle campane del vetro.


Come disfarsene?

Restituendole nei punti vendita quando se ne acquistano di nuove o portandole all'isola ecologica più vicina dove sono disponibili gli appositi contenitori Ecolamp.


In questo modo si dà il via a un circolo virtuoso che permette il riciclo di vetro, alluminio e plastiche e si evita la dispersione nell'ambiente di sostanze tossiche come il mercurio.



Per maggiori informazioni visitate il sito www.ecolamp.it/


Press Area: www.ecolamp.it/comunicazione/

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile, sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118

Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota, pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469

Martina Cammareri, cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936


Il microfono che misura il tasso alcolico

Il microfono che misura il tasso alcolico
Il microfono-etilometro è un sistema per la raccolta di dati dei livelli di alcool nel sangue. In altre parole, si può misurare la sobrietà di una persona con un dispositivo che sembra un semplicissimo microfono standard.

Avrete bisogno di un sensore di alcool, un microfono XLR, Arduino, Logomatic Data Logger, una scheda SD, un lettore di schede SD, un XLR 1/4 stereo plug, un dispositivo professionale audio, resistenze (100K, 10K, 1K), un diodo Schottky, acrilico o cartone, colla, una spina della batteria da 9V, una batteria da 9V, alcool. In più, vi serviranno alcuni strumenti: saldatore, cutter, mini cacciavite, pinze, multimetro, trapano, forbici.

La prima fase per costruire un microfono-etilometro con Arduino prevede di togliere la copertura del microfono iniziale, ruotandola per svitarla. In questo modo si può separare il microfono dalla cassa. Di solito il microfono è incollato, ma basta esercitare una piccola pressione per rimuoverlo. Ora, accertatevi che il tasto on/off sia verso l’alto. Fate attenzione a non piegarlo o romperlo. Il modo migliore per rimuovere la parte è con un cacciavite di piccole dimensioni. Una volta che il tasto on/off è stato rimosso, dovreste togliere anche le due viti vicine.

Ora, rimuovete il connettore XLR: individuate la vite nella parte inferiore del corpo del microfono. Svitatela e liberate il connettore XLR. Una volta fatto questo, tirate delicatamente il microfono per rimuovere tutti i cavi dal corpo.

Con il connettore XLR, un solo pin dovrebbe essere a terra. Questo significa che i due pin rotondi non dovrebbero più essere collegati. Prendete il vostro tagliafili e tagliate via questa connessione. Legate i cavi extra dei pin separandoli dagli altri. Ora dovete preparare l'interruttore: solo il filo rosso proveniente dal connettore XLR deve rimanere collegato allo switch. Tagliare tutti i cavi in più con il cutter.

QOS 25 Febbraio 2011: Lecture di Francesca Fini - Video. Art. BodyPerformer.

Lecture Video.Art.BodyPerformer di Francesca Fini
Tecnologia, performance art, corpo: tra tribalità ancestrali e immaginario cyborg

Venerdì 25 febbraio alle ore 18:00
presso la sede dell'Istituto Quasar in Via Nizza 152 a Roma

Applicare la tecnologia alla performance art è possibile: Francesca Fini, video artista, live media & body art performer, ne è la prova. Vera e propria donna-immagine, produce immagini statiche ed in movimento, reali e sintetiche attraverso l’utilizzo di diversi linguaggi: dalla performance alla regia, dall’interaction design alla hypergrafica, passando per molteplici ibridazioni e contaminazioni.

La lecture di Francesca Fini si dipanerà da tre centri propulsori creativi differenti, tre basi lunari orbitanti dalle quali lasciar partire altrettante sonde di ricognizione verso l’oltre-spazio Quasar.
Si parte esplorando le potenzialità mutevoli della Performance Art, arte temporanea e effimera per eccellenza, espressione della fluidità del nostro tempo.
Ci si inoltrerà poi nelle “zone di contaminazione” tra Performance Art, arte del videomaker e interaction design.
Per approdare, infine, all’interno dei gangli e circuiti del Corpo aumentato che sono l’espressione più evolutiva del lavoro e dell’idea di futuro - nella mescolanza tra tribalità ancestrali e immaginario cyborg - di cui Francesca Fini è portatrice, sciamano e messaggera.






QOS 2011
La lecture di Francesca Fini è il secondo appuntamento di Quasar Outer Space / / / Oltre Spazio Quasar 2011, la risposta dell’Istituto Quasar all’attuale tendenza evolutiva nel lavoro, nell’arte e nella vita, che sta rendendo sempre più incerto il concetto tradizionale di professione. QOS coinvolge i principali protagonisti del panorama artistico contemporaneo, tra cui designers, grafici, architetti, fotografi, artisti e studiosi, che ne esplorano i limiti ampliandone senso e potenzialità.

Il prossimo ospite di QOS 2011 sarà Giacomo Costa: la sua lecture sulla metropolis.digital.art si svolgerà il 24 marzo 2011.

Francesca Fini
Artista digitale di formazione, Francesca Fini lavora da sempre come film-maker per la tv in produzioni indipendenti. Nel 2000 conosce l’artista americana Kristin Jones e inizia a collaborare al progetto “Tevereterno”, realizzando installazioni multimediali per la città di Roma (tra cui "Trilogy", per il Natale di Roma 2009, e "Solstizio d'Estate", definita una delle opere più originali di arte urbana a Roma). Nel 2008 partecipa, insieme a Kristin Jones, Kiki Smith e altri, al "River to River" Festival a New York, proiettando la sua animazione "moon loop" sugli alberi dell'Hudson River.
Oggi partecipa come videoartista, live media performer e body artist a numerosissimi happening in gallerie d'arte, musei e ambiti underground, prendendo anche parte a festival ed eventi internazionali come Videoholica (Bulgaria), Biennale Baltica (Russia), LowLives (NY), Moves - Movement on Screen (Uk), 700is Videoart Festival (Islanda), Directors Lounge (Berlino) e Contravision Film Festival (Berlino). Nel 2010 è tra i vincitori del Magmart Videoart Festival (Video Under Volcano), con la videoperformance CRY ME, e del voto on-line del Celeste Prize sezione "Live Media & Performance”; viene selezionata dal Premio Termoli con le sue opere di pittura digitale, dall'Art Shake Festival (Roma e Berlino) e viene invitata dalla Fondazione RomaEuropa a presentare il suo lavoro al Teatro Palladium di Roma.
Dirige inoltre il Festival di performance Art "TEN", una maratona di live art la cui prima edizione si è svolta il 9 ottobre 2010 al Lanificio 159 di Roma.
www.francescafini.com - http://francescafini.tumblr.com


Ideazione e Coordinamento QOS Quasar OuterSpace / / / Prof. Carlo Prati




Info e Prenotazioni: 06.8557078 – www.istitutoquasar.com




Istituto Quasar Design University Roma
Via Nizza 152 - 00198 Roma

+39 06 8557078 - eventi@istitutoquasar.com

www.istitutoquasar.com

giovedì 17 febbraio 2011

L’11ma edizione del Master in Yacht Design dell'Istituto Quasar chiude in grande stile!

MERCOLEDI' 23 FEBBRAIO ORE 16:00 > 18:30
presso la sede dell'Istituto Quasar in Via Nizza 152 - Roma

Lezione conclusiva dell'11ma edizione:

una grande occasione per festeggiare il successo degli
studenti Andrea Morandini e Mariella Cipollina
nella gara per tesi di laurea e master Diporthesis



Il Master in Yacht Design dell’Istituto Quasar Design University Roma è un percorso post lauream di alta formazione tra i più avanzati in Italia per imparare a progettare un’imbarcazione: dal tavolo di disegno alla produzione industriale.
A dimostrazione dell’alta qualità didattica del Master, gli studenti dell’Istituto Quasar Andrea Morandini e Mariella Cipollina hanno riscosso un notevole successo nella gara per tesi di laurea e master Diporthesis, organizzata da As.Pro.Na.Di., l’associazione dei progettisti nautica da diporto. I loro progetti di imbarcazione “Sea View 60” e “Idra 60”, infatti, si sono piazzati sul podio della categoria imbarcazioni a motore.

Il premio ha suscitato l’interesse della stampa di settore (Nautech, Nautica, Fare Vela, Solo Vela, Open&Fly, Yacht&Sail) e una grande partecipazione a livello internazionale (33 partecipanti di 8 nazioni, 6 università e 4 istituti di formazione). E’ stato assegnato da una prestigiosa giuria, composta da professionisti di alto livello che hanno fatto e fanno la storia della nautica italiana: il Presidente dott. Luca Bassani Antivari, Sergio Abrami, Arch. Attilio Albeggiani, Arch. Giorgio Barilani, Ing. Giovanni Ceccarelli, Ing. Lorenzo Giovannozzi, Arch. Franco Gnessi (coordinatore del Master in Yacht Design dell’Istituto Quasar), Prof. Arch. Andrea Vallicelli, Prof. Arch. Giovanni Zuccon. In particolare, la giuria ha voluto premiare la concretezza dei lavori esaminati: non solo innovazione, ma anche fattibilità e rispetto per l’ambiente, che sono elementi cardine del Master in Yacht Design dell’Istituto Quasar.


L’offerta formativa, infatti, è stata radicalmente rivista sulla base delle reali necessità del mercato futuro: non solo design innovativo di scafi e propulsione alternativa, ma anche contenuti e strumenti tecnologici realmente efficaci rispetto agli obiettivi ed esigenze industriali, per offrire una valida opportunità professionale nel campo della progettazione nautica.


Il prossimo 23 febbraio alle ore 16:00, durante la lezione conclusiva dell’edizione attualmente in corso, verrà data l’opportunità al pubblico di scoprire i bellissimi progetti di imbarcazione realizzati dagli studenti, ai quali verranno consegnati i diplomi ufficiali.

Un’ottima occasione per promuovere una tavola rotonda di confronto, che dia la possibilità ai presenti di toccare con mano la qualità didattica del Master e porre domande allo staff docente.



IL 12° MASTER IN YACHT DESIGN DELL’ISTITUTO QUASAR
La dodicesima edizione del Master in Yacht Design dell'Istituto Quasar, patrocinato da As.Pro.Na.Di (Associazione Progettisti Nautica da Diporto) e dall'Ordine degli Architetti di Roma e provincia, inizierà mercoledì 2 marzo 2011.

Tenuto dallo staff tecnico dello studio Dynaship Yacht Design dell'Arch. Franco Gnessi, il Master è rivolto a laureati e laureandi in Architettura, Ingegneria civile, Architetti junior e Designer, ai professionisti del settore e a tutti quei progettisti che abbiano una valida conoscenza della materia sulla cui base incrementare le competenze sia come strumento del proprio lavoro che come ambito di ricerca. Permette ai corsisti di entrare in contatto con il mondo della produzione industriale delle imbarcazioni, passando attraverso la tutela dell'idea progettuale e del patrimonio ambientale e dei mari.

Tutti i corsisti saranno iscritti all'As.Pro.Na.Di e nel Master è inclusa la licenza Rhinoceros student. Sono previste borse di studio per neolaureati. I progetti migliori e meritevoli verranno pubblicati sulle riviste di settore interessate, tra cui Nautica e NauTech.

Info e Prenotazioni: 06-8557078 - www.istitutoquasar.com

Istituto Quasar Design University Roma
Via Nizza 152 - 00198 Roma
+ 39 (0)68557078 - orientamento@istitutoquasar.com
www.istitutoquasar.com

Carnevale Venezia: Ecolamp a Campo San Polo

Ecolamp al Carnevale di Venezia 2011

Per il secondo anno consecutivo,
Ecolamp è partner del Carnevale di Venezia
Il Carnevale veneziano si colora ancora una volta di verde.

Milano, 17 febbraio 2011 – Si conferma per il secondo anno la collaborazione tra il Carnevale di Venezia ed Ecolamp: un Carnevale del tutto rinnovato e una partnership ancora più solida.

Visto il grande successo del 2010, in cui le due mascotte Ecolamp, Voltonio e Bidonia, hanno sfilato per le vie della città informando i cittadini sulla corretta gestione delle sorgenti luminose esauste, anche quest’anno Ecolamp, Consorzio per il recupero e il trattamento delle lampade fluorescenti esauste ha scelto il Carnevale come palcoscenico per le proprie iniziative di sensibilizzazione ambientale.

Dal 26 febbraio all’8 marzo, Campo San Polo, la zona di maggior richiamo per le famiglie, vedrà oltre alla pista di pattinaggio animata da spettacoli e da bravissimi pattinatori, un grande gazebo trasformato ne “Il Bosco della Luce e del Riciclo”, area incantata in cui artisti, attori, giocolieri, fantasisti, acrobati metteranno in scena spettacoli comici il cui fil rouge sarà trasmettere i valori della tutela ambientale, approfondendo il tema della raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste.

Il “Bosco” verrà animato da personaggi della commedia dell’arte, come il trampoliere Dario Lampa, il clown Loscuro, la super moderna Dina Lampa, che attraverso la fantasia e l’improvvisazione teatrale, il divertimento, giocoleria e acrobazie, teatrini e laboratori interattivi avranno il compito di veicolare il messaggio chiave del Consorzio Ecolamp: le moderne lampadine fluorescenti, che stanno sostituendo le vecchie lampadine a incandescenza, consumano meno, fanno risparmiare energia elettrica, ma quando si esauriscono, non vanno gettate nella pattumiera o nelle campane del vetro. Come disfarsene? restituirle nei punti vendita quando se ne acquistano di nuove o portarle all’isola ecologica più vicina dove sono disponibili gli appositi contenitori Ecolamp. In questo modo si dà il via a un circolo virtuoso che permette il riciclo di vetro, alluminio e plastiche e si evita la dispersione nell’ambiente di sostanze tossiche come il mercurio.

Tornare al Carnevale di Venezia, città che si è sempre dimostrata attenta alle tematiche a noi care” - afferma Fabrizio D’Amico, Direttore Generale di Ecolamp - “è la diretta conseguenza dell’esperienza acquisita dal nostro Consorzio nell’ambito delle attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale rivolta al mondo della scuola, che portiamo avanti da tre anni, con la mostra polisensoriale itinerante Lamp&RiLamp, che sta per toccare oltre 30 città e coinvolgendo quasi 50.000 visitatori tra scuole e famiglie. Siamo consapevoli che impegnandoci nella formazione delle fasce più giovani possiamo non solo migliorare la coscienza ambientale di coloro che un giorno saranno adulti responsabili, ma anche contribuire oggi stesso alla crescita di una maggiore consapevolezza all’interno di ogni nucleo familiare, dove il bambino rappresenta sempre più un opinion leader autorevole, soprattutto sul tema della salvaguardia dell’ambiente.

L’iniziativa del Consorzio, che ha ottenuto il patrocinio da parte della città di Venezia, è segnalata nel programma ufficiale e sul sito del Carnevale.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.ecolamp.it/
Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile, sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118
Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota, pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469
Martina Cammareri, cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936

lunedì 14 febbraio 2011

A Palermo la mostra educational sul riciclo delle lampade fluorescenti esauste


Arriva a Palermo il truck Lamp&Rilamp 2011

Palermo ospita la terza tappa della mostra polisensoriale di Ecolamp volta a sensibilizzare cittadini e scuole sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste


Da martedì 15 a venerdì 18 febbraio - dalle ore 9.00 alle 19.00 - Piazza Verdi

Ingresso libero




Milano, 14 febbraio 2011- Da martedì 15 a venerdì 18 febbraio, Palermo ospiterà il truck 2011 della mostra polisensoriale Lamp&RiLamp promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dello Sviluppo Economico, nonché del Comune di Palermo, che si terrà in Piazza Verdi, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 con ingresso libero.

Dopo il successo ottenuto nei precedenti anni con oltre 25.000 visitatori, nella terza edizione il tour toccherà nuove undici tappe, dopo Lamezia ed Agrigento e Palermo, passerà per Cagliari, Sassari, Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.

La mostra ha come obiettivo quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp, o di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come previsto dal DM "uno contro uno", in vigore il 18 giugno 2010.

L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio.

Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti, le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro. Da quest'anno Lamp&RiLamp ha anche un sito dedicato dove sono disponibili tutte le informazioni relative alla mostra e al processo di raccolta e riciclaggio delle lampadine basso consumo: www.ecolamp.it/lamprilamp.

"Sono certa che quest'anno la tappa palermitana di Lamp & Rilamp farà registrare un successo ancora maggiore di quello ottenuto nel 2010 in altre città italiane –dichiara Marianna Caronia, assessore comunale all'Ambiente del capoluogo sicilianoA suggerirmi tale certezza è la crescente sensibilità dei palermitani verso i temi della salvaguardia ambientale, anche attraverso la raccolta differenziata e il riuso dei materiali. "

Nella sola provincia di Palermo nel 2010 Ecolamp ha raccolto quasi 804 chilogrammi di lampade esauste (tra lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti), quasi un quarto dell'intera raccolta nella Regione Sicilia che è stata pari a 2.557 chilogrammi. Le altre province hanno raccolto: Agrigento 720, Caltanisetta 68, Ragusa 180, Siracusa 204, Trapani 581 chilogrammi.

"Anche quest'anno Ecolamp torna per il terzo anno consecutivo nelle piazze italiane proseguendo nel progetto di sensibilizzazione sul tema del riciclo e del trattamento delle lampadine a risparmio energetico rivolto alle famiglie, ai ragazzi e alle amministrazioni cittadine." - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp - "I risultati delle scorse edizioni sono stati molto positivi e i dati di raccolta sono in continuo aumento, ma la strada da fare è ancora lunga. Ecco perché continuiamo nel nostro impegno di sensibilizzare i cittadini, perché siamo consci dell'importanza di promuovere una cultura sull'eco sostenibilità".

Per maggiori informazioni visitate il sito www.ecolamp.it

Nota per la Stampa
Il Dott. Fabrizio D'Amico, direttore generale del Consorzio Ecolamp, di origini palermitane, è disponibile per interviste e sarà presente in loco venerdì 18 febbraio.


Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile sgentile@concadelachi.com
Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118
Marketing & Comunicazione Ecolamp:
Andrea Pietrarota pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469;
Martina Cammareri cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936



giovedì 10 febbraio 2011

Ecolamp online cambia look!

Comunicato stampa

Ecolamp lancia il nuovo sito www.ecolamp.it

Il Consorzio per il trattamento delle sorgenti luminose esauste

rinnova il sito web: migliore navigabilità e maggiori contenuti per ogni internauta.

Milano, febbraio 2011 – E' on line il nuovo sito Internet www.ecolamp.it di Ecolamp, il Consorzio che, senza fini di lucro, assicura in Italia la raccolta e il corretto trattamento delle sorgenti luminose esauste, come la lampade a basso consumo e i tubi fluorescenti. c

c

La nuova grafica e una completa revisione dei contenuti nascono per semplificare la navigazione da parte di diverse tipologie di utenti: operatori del settore (produttori, distributori, installatori e comuni), ma anche cittadini, mondo della scuola, ambientalisti.

c

I temi della normativa sui rifiuti elettrici ed elettronici (Raee), del corretto trattamento delle sorgenti luminose esauste, della loro necessaria raccolta differenziata sono facilmente fruibili, pur consentendo un approfondimento in base agli interessi di ogni navigatore.

c

Il sito ha due differenti menù: il primo, istituzionale, raccoglie gli argomenti generali relativi al Consorzio utili a tutte le categorie di internauti; il secondo è invece dedicato alle differenti categorie di utenti con contenuti specificatamente mirati.

c

Dall'home page sono consultabili i dati di raccolta aggiornati settimanalmente, i centri di raccolta serviti e il numero di missioni. Inoltre è possibile consultare il data base del Centro di Coordinamento RAEE in cui cercare l'isola ecologica più vicina alla propria abitazione.

c

In evidenza tutti i servizi offerti dal Consorzio: ExtraLamp e Collection Point, dedicati agli installatori di illuminotecnica, ed Ecopoint, il servizio riservato ai distributori aderenti all'accordo tra Ecolamp e FME (Federazione Nazionale Grossisti e Distributori di Materiale Elettrico): appositi minisiti contengono tutte le indicazioni necessarie per accedere ai tali servizi gratuiti. Ampia anche la sezione educational, con un minisito sul tour della mostra polisensoriale Lamp&RiLamp e i materiali ideati per la scuola primaria e secondaria di Ecolamp pensa giovane.

c

Agevole risulta l'accesso alle aree riservate per produttori, installatori e distributori, all'interno delle quali sono disponibili contenuti e documenti ad hoc. c

Fondamentale, l'Area Stampa dove oltre ai normali strumenti per i giornalisti (cartella stampa, schede di approfondimento, comunicati, è disponibile la photogallery con fotografie in alta definizione, e il video con immagini girate sia in formato digitale che broadcast, utili alla confezione di servizi televisivi.

Da non dimenticare, infine, il link con il blog www.easyecolamp.it per i blogger paladini dell'eco sostenibilità.

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile Tel. 02/48193458 sgentile@concadelachi.com

Marketing & Comunicazione Ecolamp:

Martina Cammareri Tel. 02/37052936-7 cammareri@ecolamp.it

Andrea Pietrarota Cell. 348/5988469 pietrarota@ecolamp.it

mercoledì 9 febbraio 2011

Lavorare coi bambini: 4 borse di lavoro per Corso di Formazione Professionale per Operatore d'infanzia-Ludotecario

Corso Formazione Operatore d'infanzia Ludotecario






4 BORSE LAVORO PER ENTRARE NEL FANTASTICO MONDO DEI BAMBINI

Corso di Formazione Professionale per Operatore d'infanzia-Ludotecario


AUTORIZZATO DALLA REGIONE LAZIO

Corso di Qualifica Professionale di Tecnico di Ludoteca
Il Centro di Formazione Professionale Logos P.A.F. - Progetto Alta Formazione - promuove il corso di formazione professionale per formare la figura del Ludotecario.

Ad oggi, la proposta del sistema scolastico e universitario rivolta alla formazione di tali professionalità è quasi assente o poco specifica alle caratteristiche peculiari del settore. La preparazione operativa sul campo, poi, risulta carente o lacunosa.

La Logos P.A.F. – Progetto Alta Formazione - una delle più accreditate scuole professionali nell'ambito dell'infanzia del Centro-Italia si pone nel settore per integrare tali carenze e formare operatori dei servizi educativi attraverso un apprendimento esperienziale. Il corso, elaborato in collaborazione con il Dipartimento Scuola, Formazione e Politiche del Lavoro della Regione Lazio, risponde dunque all'obiettivo di formare dei moderni professionisti, i Ludotecari, cui affidare la responsabilità della gestione di laboratori espressivi e ricreativi all'interno di strutture per l'infanzia.

Durata e frequenza del corso
Il percorso formativo si articola in 5 mesi di formazione frontale in aula, dal lunedì al venerdì, presso il Centro di Formazione della Logos P.A.F. più 1 mese di tirocinio formativo con stage garantito presso strutture per l'infanzia convenzionate con la Logos. A fine corso, previo superamento dell'esame svolto in sede con la Commissione della Regione Lazio, verrà rilasciato un Attestato di Qualifica Professionale riconosciuto anche dalla Comunità Europea.
Requisiti di ammissione
Il corso è a numero chiuso, per massimo 20 iscritti, e si rivolge a diplomati e laureati in qualunque ambito formativo. Non ci sono limiti di età o di zona di provenienza.
Domande di partecipazione e selezioni Gli interessati dovranno contattare la segreteria organizzativa della Logos e fissare un appuntamento per un colloquio oppure inviare la domanda di partecipazione tramite lettera motivazionale accompagnata dal curriculum vitae et studiorum a segreteria@logospaf.it o via fax al numero 06/86381042 con oggetto rif. TDL.

Le iscrizioni avverranno entro e non oltre il 28 febbraio 2011.

Sede I colloqui selettivi e il corso si svolgono a Roma, in Via Alfredo Catalani 27 (nei pressi di Viale Somalia/Via Salaria) oppure in Circonvallazione Ostiense 80 (Metro Garbatella) dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00. Infoline: 06.86.39.95.12 – 06.96.04.56.73
Costo e Borse di Studio
Il costo è di 2450,00 euro. Sono previste agevolazioni come il finanziamento con rate a partire da €. 98,00 al mese e l''opportunità di lavorare già durante il corso.

Sono previste 4 borse lavoro del valore di €. 900,00 che verranno attribuite, dopo il superamento dell'esame, ai corsisti più meritevoli. Le 4 borse lavoro prevedono uno Stage Aziendale della durate di 3 mesi presso strutture per l'infanzia.



Logos P.A.F. s.r.l.
Sede Roma Nord: Via Alfredo Catalani, 27 - 00199 - Roma - Tel. 06.86.21.07.71
Sede Roma Sud: Circonvallazione Ostiense, 80 - 00154 - Roma - Tel. 06.96.04.56.73
FAX 06.86.38.10.42
www.logospaf.it

domenica 6 febbraio 2011

Discariche: nuove regole per ammissibilita' rifiuti e Dm 27 settembre 2010

FORMAZIONE PERMANENTE SUI RIFIUTI
_____________________________________


Il seminario della Formazione sui rifiuti, previsto a Roma giovedì 17 febbraio e a Milano lunedì 28 febbraio 2011.

Discariche: le nuove regole
per l'ammissibilità dei rifiuti e il Dm 27 settembre 2010

Roma, giovedì 17 febbraio 2011
Milano, lunedì 28 febbraio 2011

Relatore:
Loredana Musmeci (ISS – Istituto Superiore di Sanità)

Coordinamento scientifico: Paola Ficco

Dopo un'attesa che si è prolungata per oltre un anno, è stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 1° dicembre 2010 il Dm 27 settembre 2010 recante la revisione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.
L'attesa da parte delle imprese, delle Autorità di controllo e degli enti territoriali era alta, soprattutto in relazione al problema della ammissibilità in discarica dei "fanghi" di diversa origine, a prevalente matrice organica.

Il decreto 27 settembre 2010, oltre a correggere gli evidenti errori e imprecisioni contenuti nel precedente Dm 3 agosto 2005, rende la norma nazionale relativa all'ammissibilità dei rifiuti in discarica maggiormente rispondente alla disciplina comunitaria (Decisione 2003/33/Ce) e soprattutto tende a risolvere il problema connesso alla possibilità di smaltire in discarica i fanghi di depurazione a matrice organica che, in base alla precedente normativa, non potevano essere ammessi in ragione dell'alto valore di Carbonio Organico Disciolto (DOC) in genere esibito.

Il Seminario ha un carattere esclusivamente tecnico e si avvale della esperienza del massimo Esperto nazionale in materia: Loredana Musmeci (ISS - Istituto Superiore di Sanità)

Per consultare il programma e per iscriversi al seminario del 17 febbraio 2011>>

Per consultare il programma e per iscriversi al seminario del 28 febbraio 2011>>


ll programma dei seminari e i moduli di adesione in formato pdf sono disponibili qui:

- Programma > Roma, giovedì 17 febbraio 2011
- Programma > Milano, lunedì 28 febbraio 2011


Segreteria organizzativa
Rossana Franzoni
telefono 02 45487380
segreteria.formazione@reteambiente.it

Edizioni Ambiente srl
via N. Battaglia 10
20127 Milano
telefono 02 45487277
fax 02 45487333
www.edizioniambiente.it
www.reteambiente.it


venerdì 4 febbraio 2011

La prima stazione orbitante di Quasar Outer Space / / / Oltre Spazio Quasar è atterrata all'Istituto Quasar di Roma!


Giovedì 20 gennaio con la lecture di Stefano Converso si è aperto QOS Quasar OuterSpace, evento articolato in 6 incontri dedicato all’evoluzione delle nuove tecnologie dell’informazione e della progettazione e alla conseguente trasformazione dei profili professionali ed umani nel mondo dell’architettura, del design e della creatività



Prossimo appuntamento:
Exhibit Design - L’arte dell’esporre con Federico Lardera

25 febbraio 2011 h 18:00

presso la sede dell’Istituto Quasar in Via Nizza 152 - Roma


La lecture di Stefano Converso sul Cloud Design di giovedì 20 gennaio ha dato inizio a QOS Quasar Outer Space / / / Oltre Spazio Quasar, la rassegna di eventi culturali dell’Istituto Quasar Design University Roma, ideata e coordinata dal Prof. Carlo Prati.

In risposta all’attuale tendenza evolutiva nel lavoro, nell’arte e nella vita, che sta rendendo sempre più incerto il concetto tradizionale di professione, QOS coinvolge i principali protagonisti del panorama artistico contemporaneo, tra cui designers, grafici, architetti, fotografi, artisti e studiosi, che ne esplorano i limiti ampliandone senso e potenzialità.

Il primo illustre ospite di QOS è stato Stefano Converso, Architetto e Web Community Manager di fama internazionale, che si occupa delle procedure di integrazione tra processi progettuali e tecnologie digitali in rete.
Nel corso della lecture sul Cloud Design, appositamente pensata per l’evento QOS, ha indagato l'evoluzione dei metodi di progettazione e produzione che sempre di più conducono alla trasformazione dei profili professionali e umani nel mondo dell’architettura, del design e della creatività.

Il pubblico ha avuto la straordinaria opportunità di scoprire in anteprima i risultati delle sperimentazioni di Stefano Converso, svolte presso istituti di ricerca e università sia italiane che internazionali (Dipartimento di Progettazione dell’Università Roma Tre, Product Architecture Labv @Stevens Institute of Technology, Columbia University, Politecnico di Milano).
La lecture si è rivelata una stimolante occasione per avvicinarsi ad un nuovo settore professionale e scientifico che si colloca a metà strada tra nuove tecnologie dell’informazione (web, social network, Multitasking Technologies) e progettazione (design e architettura).

Il prossimo ospite di QOS 2011 sarà Federico Lardera: la sua lecture sulla exhibit.design - l’arte dell’esporre si svolgerà il 25 febbraio 2011.



Info: 06.8557078 - www.istitutoquasar.com


Istituto Quasar Design University Roma
Via Nizza 152 - 00198 Roma
+39(0)68557078 - orientamento@istitutoquasar.com
www.istitutoquasar.com

Lavorare con i Social networks e il Web 2.0

Per il 2011 l'Istituto Modartech lancia un nuovo è innovativo corso intitolato “Social Networks e Web 2.0” che va ad arricchire l'offerta dei suoi Corsi di Comunicazione. Si tratta di un percorso di formazione che ha come obiettivo l'utilizzo professionale dei social network (da Facebook in poi...) ed è basato anche sulle soluzioni 2.0 per la comunicazione online di aziende e privati.
La durata del corso è pari a 80 ore, e non si tratterà di lezioni intensive (ma di 1 pomeriggio a settimana, il Venerdì) in modo tale da permettere la frequenza a tutti gli interessati.
Il corso si rivolge a tutti coloro che vogliono sviluppare la propria conoscenza dei social e a tutte quelle persone che magari vogliono promuovere e far conoscere nel modo coretto i prodotti e servizi della propria azienda sul web.

Quindi se anche tu vuoi iniziare a utilizzare professionalmente i social networks

Visita la pagina riservata al corso: Social Networks e Web 2.0

L’inizio del corso è fissato per il 4 marzo 2011, maggiori info su: www.modartech.com

mercoledì 2 febbraio 2011

Master sull'Auto


Aperte le selezioni per la quinta edizione del corso che nel 2011 formerà 15 giovani specialisti da inserire nel comparto automobilistico. Previste borse di studio a copertura parziale e totale dei costi di iscrizione.

    15 stage nel settore Automotive con il Master di Fleet&Mobility


Roma, Febbraio 2011 – Sono aperte le selezioni dei partecipanti alla quinta edizione del "Master sull'Automobile", finalizzato all'inserimento lavorativo di giovani specialisti nel comparto automobilistico, promosso a Roma da un pool di aziende leader e curato da Fleet&Mobility.

Il percorso formativo, che prenderà il via a fine febbraio, può contare sulla positiva esperienza delle precedenti edizioni che hanno visto il 100% degli allievi trovare un'occupazione. "La congiuntura economica sta lentamente migliorando e questo è il momento giusto per formare nuove risorse qualificate da proporre agli operatori del settore. Nel corso dell'anno riceviamo numerose richieste di stage", commenta con soddisfazione Pierluigi del Viscovo, direttore di Fleet&Mobility, "e non solo da parte delle aziende sostenitrici dell'iniziativa. Anche nell'ultima edizione del master, prima del termine abbiamo registrato un'assunzione a tempo indeterminato, a testimonianza del forte interesse degli operatori del settore verso giovani risorse preparate".

Aziende sponsor dell'iniziativa sono le società leader nell'autonoleggio ALD Automotive, Arval, AVIS, Leaseplan Italia, Maggiore, la finanziaria Findomestic, la Nissan Italia e Pirelli, con il patrocinio di Aniasa (Autonoleggio) e Assilea (Leasing Finanziario).

Le aziende sponsor – oltre a offrire lo stage ed eventuali successive opportunità di inserimento – contribuiscono al Master facendo partecipare i loro senior manager in qualità di docenti.

Per venire incontro alle esigenze degli aspiranti allievi, quest'anno sono, inoltre, previste alcune borse di studio finanziate dalle aziende promotrici a parziale e totale copertura dei costi di iscrizione. 3 borse di studio saranno assegnate l'8 febbraio, in occasione del Career Day, nel quale i responsabili delle imprese sponsor selezioneranno i candidati più meritevoli.

Come per le precedenti edizioni, il percorso formativo proposto da Fleet&Mobility si rivolge a laureati e a quanti, pur non laureati, hanno maturato un'esperienza lavorativa o hanno un'attività familiare nel settore automobilistico, come i figli dei concessionari. Presupposti indispensabili sono, inoltre, la passione per l'auto e la forte motivazione a lavorare nel comparto automotive.

Il Master dura otto mesi, di cui 4 in aula, uno dedicato alle ricerche e 3 di stage.

La formazione in aula è dedicata per un terzo alle materie di base dell'impresa (analisi di scenario e statistiche di mercato, finanza d'impresa marketing, relazioni interne) e per due terzi agli aspetti specifici del settore (analisi dei mercati, assicurazioni, mobilità, post-vendita, energia e petrolio, concessionarie, leasing, case e noleggio a breve e lungo termine).

Dopo la parte teorica e prima dello stage, gli studenti saranno impegnati sulle ricerche per sperimentare concretamente la realtà del mercato e approfondirne la conoscenza. In totale si prevede un impegno full time da febbraio a ottobre.

Il costo del master, come lo scorso anno, è pari a 8.000 euro. Per i primi iscritti sono previste borse di studio a copertura parziale dell'ammontare complessivo del costo.


Per ulteriori informazioni contattare lo 06-68392090 oppure scrivere a
master@fleetandmobility.it.

Nota per la stampa

Il Centro Studi Fleet&Mobility promuove lo sviluppo e l'evoluzione della mobilità automobilistica e delle auto aziendali, al fianco degli operatori, attraverso un'intesa attività di ricerca e analisi, seminari di aggiornamento, incontri, convegni e la pubblicazione del Bollettino Fleet&Mobility. Dal 2007 promuove il Master sull'Automobile, con il sostegno di importanti imprese e associazioni del settore. Cura il convegno La Capitale Automobile, a Roma, punto di incontro trasversale per gli operatori del settore automobilistico.

martedì 1 febbraio 2011

A Lamezia Terme Lamp&RiLamp, mostra sul recupero delle lampade fluorescenti esauste



Riparte da Lamezia Terme il truck Lamp&Rilamp 2011

A Lamezia Terme la prima tappa della mostra polisensoriale di Ecolamp volta a sensibilizzare cittadini e scolaresche sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste

Da martedì 1° febbraio a domenica 6 febbraio - dalle ore 9.00 alle 19.00 - in Piazza Botticelli, Sambiase

Ingresso libero

Lamezia Terme, 1° febbraio 2011 - E' partito oggi da Lamezia Terme il tour 2011 di Lamp&RiLamp, la mostra polisensoriale promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che si terrà fino a domenica 6 febbraio, in Piazza Botticelli a Sambiase, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 con ingresso libero.

Dopo il successo ottenuto nei precedenti anni con oltre 25.000 visitatori, nella terza edizione il tour toccherà nuove undici tappe, dopo Lamezia, passerà per Agrigento, Palermo, Cagliari, Sassari, Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.

La mostra ha come obiettivo quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp, o di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come previsto dal DM "uno contro uno", in vigore il 18 giugno 2010.

L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti, le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.


Da quest'anno Lamp&RiLamp ha anche un sito dedicato dove sono disponibili tutte le informazioni relative alla mostra e al processo di raccolta e riciclaggio delle lampadine basso consumo: www.ecolamp.it/lamprilamp.


ap copia.JPG
"Anche quest'anno Ecolamp torna per il terzo anno consecutivo nelle piazze italiane proseguendo nel progetto di sensibilizzazione sul tema del riciclo e del trattamento delle lampadine a risparmio energetico rivolto alle famiglie, ai ragazzi e alle amministrazioni cittadine." - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp - "I risultati delle scorse edizioni sono stati molto positivi e i dati di raccolta sono in continuo aumento, ma la strada da fare è ancora lunga. Ecco perché continuiamo nel nostro impegno di sensibilizzare i cittadini, perché siamo consci dell'importanza di promuovere una cultura sull'eco sostenibilità".

Nella sola provincia di Catanzaro nel 2010 Ecolamp ha raccolto quasi 2.080 chilogrammi di lampade esauste (tra lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti), quasi la metà dell'intera raccolta nella Regione Calabria che è stata pari a 2.080. Le altre province hanno raccolto: Cosenza 1.100, Crotone 260, Reggio Calabria 580 chilogrammi.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.ecolamp.it

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118

Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469;

Martina Cammareri cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936





HOME LAMP&RILAMP
CALENDARIO
SCUOLE
VIRTUAL TOUR
PHOTOGALLERY
VIDEO
EDIZIONI PASSATE
Informazioni

Google
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI